In pubblicazione il 13 FEB 2018

Freddo: si dorme prima e meglio

Se evitate però l'effetto termosifone

 


Fonte Immagine: pininterest.com

Quando le temperature esterne sono basse, se non si esagera nel riscaldamento dentro le pareti domestiche, senz’altro ci si addormenta meglio e prima.

Infatti normalmente, in tarda sera, l’organismo già di per stesso riduce la temperatura corporea per favorire il sonno e questo obbiettivo ovviamente lo potrà raggiunger più facilmente se  la stanza da letto è fresca.

Ma in realtà i più, impressionati dalle basse temperature dell’ambiente esterno, cadono vittima dell’ “effetto termosifone” ovvero  mettono i termosifoni al massimo con il rischio di creare un ambiente ostile al sonno.

La temperature ideale  per dormire è intorno 18 gradi ma se nella stanza da letto ve ne sono 23-24 sarà difficile prendere sonno.

Insomma il freddo può complicare al vita a quel 33% di Italiani che hanno problemi nel riuscire ad addormentarsi. E nell’ambito di tale categoria  il rischio insonnia è più elevato per le donne tra i 45 e i 55 anni, un’età legata alla fase di pre-menopausa o di menopausa. Consigli? 

Una o due ore ora prima di coricarvi abbassate il livello del termostato e verificate con un comune termometro che la temperatura della vostra camera da letto sia intorno 18 gradi.  Al limite aprite per qualche minuto le finestre della camera.

Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

26 MAG
Temperature sempre estive ma con instabilità in aumento al Nord e su parte del Centro a causa di infiltrazioni di correnti atlantiche
25 MAG
Durata, intensità, le regioni più roventi. Commento sintesi in 20 righe. Aggiornato al 25 maggio
25 MAG
Ecco che tempo è previsto sulle spiagge dal 26 - 30 Maggio 2018
23 MAG
Tra le regioni piu' calde, la Toscana, l'Emilia Romagna, il Lazio, la Lombardia e la Sardegna
25 MAG
Valori eccezionali anche per il mese di Luglio
25 MAG
Quello di quest’anno in molte regioni d’Europa è stato l’aprile più caldo di sempre, oltre a risultare, per tante nazioni, anche insolitamente asciutto
24 MAG
700 mila persone sono state colpite dalle inondazioni, 25 le vittime