In pubblicazione il 13 FEB 2018

Freddo: si dorme prima e meglio

Se evitate però l'effetto termosifone


Fonte Immagine: pininterest.com

 

Quando le temperature esterne sono basse, se non si esagera nel riscaldamento dentro le pareti domestiche, senz’altro ci si addormenta meglio e prima.

Infatti normalmente, in tarda sera, l’organismo già di per stesso riduce la temperatura corporea per favorire il sonno e questo obbiettivo ovviamente lo potrà raggiunger più facilmente se  la stanza da letto è fresca.

Ma in realtà i più, impressionati dalle basse temperature dell’ambiente esterno, cadono vittima dell’ “effetto termosifone” ovvero  mettono i termosifoni al massimo con il rischio di creare un ambiente ostile al sonno.

La temperature ideale  per dormire è intorno 18 gradi ma se nella stanza da letto ve ne sono 23-24 sarà difficile prendere sonno.

Insomma il freddo può complicare al vita a quel 33% di Italiani che hanno problemi nel riuscire ad addormentarsi. E nell’ambito di tale categoria  il rischio insonnia è più elevato per le donne tra i 45 e i 55 anni, un’età legata alla fase di pre-menopausa o di menopausa. Consigli? 

Una o due ore ora prima di coricarvi abbassate il livello del termostato e verificate con un comune termometro che la temperatura della vostra camera da letto sia intorno 18 gradi.  Al limite aprite per qualche minuto le finestre della camera.

Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

19 AGO
Non sono una minaccia per le iniziative locali ludico-culinarie serali
18 AGO
Nell’ultima parte di agosto ci attendono soprattutto il sole e il caldo, ma non mancherà una breve fase caratterizzata da molti temporali, specie al Nord
17 AGO
Porterebbe comunque temporali e calo termico
20 AGO
Dopo un forte temporale improvvisa piena travolge piu' gruppi di escursionisti
20 AGO
E ' molto pericoloso stare in spiaggia all'arrivo di un temporale
20 AGO
Il video di una parte del crollo vicino ai bagnanti
20 AGO
Nel Pacifico scosse di terremoto intense, ci sono anche danni e vittime