In pubblicazione il 21 GIU 2016

Gatti cosparsi di benzina e dati alle fiamme: teoria choc sugli incendi in Sicilia

Spunta una teoria orribile sugli incendi che giovedì scorso hanno devastato la Sicilia


Fonte Immagine: Incendi

 


Nuova tecnica orribile in Sicilia per dare fuoco il bosco: infatti, secondo il presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, i roghi di giovedì 16 giugno che hanno devastato mezza regione sarebbero stato certamente appiccati dai piromani ma con una tecnica disarmante. I gatti randagi sarebbero stati cosparsi di benzina e dati alle fiamme, poi lasciati liberi di correre, incendiando i cespugli e tutto quello che incontrano sulla loro strada, come fossero piccole torce pronte a seminare distruzione e caos. A rivelarlo è il presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci : "Non è possibile che l'intera Sicilia sia andata in fiamme nello stesso momento, semplicemente per caso - sostiene Antoci - Una delle tecniche di incendio doloso della mafia è quella di legare uno straccio imbevuto di benzina alla coda di un gatto e dargli fuoco". "All'autocombustione non ci credono neanche i bambini delle elementari - ha poi aggiunto il presidente del Parco all'Adnkronos - Qui c'è gente arrabbiata per l'opera di legalità e sviluppo che abbiamo fatto partire dai Nebrodi e che come uno tsunami ha raggiunto tutta la Sicilia. E' un'opera di ritorsione". Per Antoci dietro le fiamme c'è "una volontà precisa, un piano ben disegnato". Chi ha appiccato i fuochi, insomma, "sapeva quali erano le condizioni, sapeva che il vento di scirocco avrebbe impedito ai canadair di alzarsi e ne ha approfittato per raggiungere il suo obiettivo".


Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

14 GIU
L’alta pressione africana attaccherà il Mediterraneo in due fasi. La seconda più debole
anticiclone africano oggi 14 giugno
14 GIU
Caldo…anche sul Monte bianco, La più calda giornata da inizio estate
Temperature massime venerdì 14 giugno
13 GIU
Le temperature nel fine settimana su 32 località.  35-37 gradi su molte regioni
12 GIU
Tempo instabile nelle regioni settentrionali, dove sono attesi nuovi acquazzoni e temporali, mentre al Centrosud si farà sentire soprattutto il caldo
15 GIU
Meno caldo di venerdì 13 al Centronord. Puglia ancora sulla graticola
15 GIU
Situazione è critica a Longyan, nella provincia di Fujian
15 GIU
Non si registrano danni ne feriti