In pubblicazione il 22 LUG 2015

Guidare con 35°C in auto è simile a guidare da leggermente ubriachi!

Questo allarme viene lanciato dai tecnici della Casa spagnola Seat che hanno diffuso i risultati di accurate ricerche effettuate assieme ad esperti del settore


Fonte Immagine: web

 


Il caldo come l'alcol? Secondo i tecnici della casa spagnola Seat si. Mettersi alla guida di un'auto surriscaldata, con 35 gradi di temperatura all'interno, può essere molto pericoloso, con reazioni rallentate che sono equivalenti ad assumere alcol con un tasso di 0,5 grammi per litro di sangue affermano. La casa automobilistica ha diffuso i risultati di accurate ricerche effettuate assieme ad esperti del settore. «Quando è molto caldo, la gente di solito presta attenzione ai consigli quando deve andare fuori di casa e camminare per strada - avverte Angel Suarez, ingegnere presso il Centro Tecnico Seat a Martorell - ma pochissimi sono consapevoli che è altrettanto importante seguire alcuni importanti regole durante la guida in condizioni di caldo intenso. Questo rischio - sottolinea Suarez - è equivalente alla guida con un tasso alcolemico di 0,5 grammi per litro di sangue». Uno degli errori più comuni che i guidatori fanno quando si utilizza il climatizzatore è di non aerare correttamente la macchina prima di avviarla. «Se apriamo i finestrini per circa 30 secondi prima di accendere l'aria condizionata - consiglia Suarez - il picco iniziale di calore si dissipa da solo». I tecnici Seat raccomandano anche di regolare il climatizzatore, se è previsto, sull'impostazione auto in modo che l'aria fresca venga distribuita uniformemente all'interno dell'abitacolo. Anche se fuori è molto caldo «non conviene impostare la temperatura sotto ai 21 gradi - spiega Suarez - in modo da non far aumentare il consumo di carburante». E non dimentica di ricordare che per le auto vale la stessa regola per gli essere umani: sotto al solleone bisogna “idratare” anche la macchina, controllando cioè che i livelli dell'olio e del liquido dell'impianto di raffreddamento siano a posto, così come devono essere verificate - a freddo - le pressioni di gonfiaggio dei pneumatici. Fonte: ilmessaggero


Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

22 FEB
Dal caldo del freddo e poi dal freddo al caldo. Attenti ai raffreddori
22 FEB
Un vero e propio tracollo termico quello che ci attenderà nel fine settimana proiettandoci nell’Inverno più classico sopratutto al sud
Temperature a 1500m alle ore 13.00 del 23 febbraio
21 FEB
Fugace ritorno dell’inverno al Centrosud, 
20 FEB
L'aeroporto era già stato chiuso in parte questa mattina
19 FEB
La situazione peggiorerà nei prosismi 2 giorni
17 FEB
Diverse le alluvioni lampo negli ultimi mesi nel Paese