In pubblicazione il 2 LUG 2015

Inondazioni e alluvioni usate come armi da guerra

L'uomo ha provocato un terzo delle alluvioni negli ultimi 500 anni in SW Olanda. L'alluvione artificiale come arma strategica fu impiegata anche nella seconda guerra mondiale


Fonte Immagine: European Geosciences Union (EGU).

 

Un nuovo studio mostra che, da 1500 fino al 2000, circa un terzo delle inondazioni nel sud-ovest Paesi Bassi sono stati deliberatamente causate dagli esseri umani durante le guerre.  Alcune di queste inondazioni hanno portato cambiamenti significativi del paesaggio, essendo dannosi come le alluvioni causate da precipitazioni abbondanti o mareggiate. Lo studio, ad opera del ricercatore olandese Adriaan de Kraker, è stato pubblicato su  Hydrology and Earth System Sciences,  una rivista dell'European Geosciences Union (EGU).

Alla fine del XVI secolo durante la Guerra degli Ottant'anni,  siccome l'esercito spagnolo tentava di  riconquistare il territorio in ora nord del Belgio e del sud-ovest Paesi Bassi, allora  ribelli olandesi guidati da Guglielmo d'Orange decisero di utilizzare il basso paesaggio a rischio di inondazione a loro vantaggio. Nel tentativo di liberare Bruges, Gand e Anversa dal dominio spagnolo e difendere il proprio territorio, i ribelli tra 1584 3 il 1586 distrussero le  dighe in luoghi strategici  per causare inondazioni deliberate, su larga scala.

L'area allagata durante la Guerra degli ottant'anni è rimasta poi sommersa  per più di 100 anni in alcuni punti, con profonde conseguenze per il paesaggio. Dopo che le acque si furono ritirate, uno spesso strato di argilla ricoprì  tutti i resti di edifici e strade della zona. 


 L'autore  ha trovato che le principali alluvioni nell'area negli ultimi 500 anni potrebbero essere raggruppati in quelle causate da mareggiate (21 eventi) e quelli accade durante tempo di guerra (11 eventi). Il primo aveva cause naturali e il secondo sono stati creati dagli esseri umani, ma de Kraker dice l'azione umana ha svolto un ruolo importante in entrambi.

L'alluvione più dannosa si è verificato durante l'inverno del 1953, quando i venti forti hanno soffiato per due giorni provocando una tempesta di lunga durata, che ha portato a livelli dell'acqua estremamente alti. Oltre 1.800 persone perirono, 100 000 sono state evacuate e i danni hanno raggiunto l'equivalente di 700 milioni di euro.  Lo studio mostra anche le inondazioni nei Paesi Bassi sono stati utilizzati anche come arma di recente, nel 1940. " Un Flooding strategico durante la seconda guerra mondiale fu intrapreso dai tedeschi  ma rimase puramente difensivo, mentre l'allagamento alleato dell'ex isola di Walcheren nel sud-ovest del paese, ha accelerato l'offensiva alleata", dice de Kraker.



Fonte Articolo: EGU

ULTIMI ARTICOLI

22 FEB
Un vero e propio tracollo termico quello che ci attenderà nel fine settimana proiettandoci nell’Inverno più classico sopratutto al sud
Temperature a 1500m alle ore 13.00 del 23 febbraio
21 FEB
Fugace ritorno dell’inverno al Centrosud, 
21 FEB
La giornata di venerdì si mostrerà assolutamente primaverile con picchi fino a 20 gradi. Più freddo ovunque nel fine settimana
20 FEB
L'aeroporto era già stato chiuso in parte questa mattina
19 FEB
La situazione peggiorerà nei prosismi 2 giorni
17 FEB
Diverse le alluvioni lampo negli ultimi mesi nel Paese