In pubblicazione il 5 LUG 2015

L’indice UV per prevenire i danni dei raggi ultravioletti

Consultate ogni giorno il nostro sito per conoscere la intensità dei raggi ultravioletti sulla città ove ora siete e quindi stimare i tempi di esposizione al sole senza danni


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Per quantificare il rapporto tra l’esposizione si raggi UV e il livello di rischio per la nostra pelle e i nostri occhi, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM) suggeriscono l’impiego dell’”UV index” (UVI), il quale esprime, in  una scala da 1 a 12,  la presunta dose di raggi UV che raggiungerà il nostro corpo nelle ore centrali del giorno, tenuto conto della latitudine, longitudine e altitudine del luogo, del giorno e del mese, nonché dello stato del cielo. Sulla base di tale indice si può stabilire, per ogni tipo di pelle, quanti minuti si può stare esposti al sole senza danni per la pelle. 

Anche su questo sito meteo, per ogni località è riportato l'indice UVI previsto

Ecco al riguardo i tempi di esposizione massimi consentiti per  alcuni  comuni “fototipi”, in corrispondenza ai valori UVI previsti:


Fototipo 1: capelli rossi o biondo-chiaro, occhi chiari, pelle lattea, oppure bambini. Tempo di esposizione: meno di 15 minuti per UVI oltre 10; 20 minuti per UVI tra 7 e 9; 30 minuti per UVI tra 4 e 6.   

Fototipo3: capelli castano chiaro o biondo scuro, pelle normale. Tempo di esposizione: meno di 30 minuti per UVI superiore a 10; 40 minuti per UVI  tra 7 e 9; 60 minuti per UVI  tra 4 e 6.      

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

l secondo freddo alle ore 22.00 del 19 novembre
18 NOV
Ecco dove e quando. Aggiornamento di sabato mattina
18 NOV
Un’area depressionaria, in arrivo sul Mediterraneo occidentale attiverà temporali e venti di burrasca in arrivo sulle regioni centro-meridionali
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo