In pubblicazione il 24 NOV 2015

La foto del giorno

Un alone solare osservato il 2 ottobre ad Ottawa. Come e quando si genera?


Fonte Immagine: Mary Brown epod.usra.edu

 

Il sole e la luna appaiono spesso attorniati da uno spettacolare anello di luce denominato alone, dal colore rossastro nella parte più interna.  Il fenomeno è generato dalla rifrazione della luce emessa dai due astri da parte dei cristalli di ghiaccio – con aspetto,  per lo più,  di una colonna esagonale -  presenti nei cirri e cirrostrati, nubi quasi trasparenti che si formano intorno 7-10 km di altezza. I cristalli nella loro lenta caduta all’interno della nube tendono a mantenere nel piano orizzontale il loro asse di simmetria. Gli aloni sono di due tipi. Quello più comune, con raggio di apertura angolare di 22°,   è dovuto alla rifrazione da parte dei cristalli colonnari il cui asse di simmetria è orientato in maniera perpendicolare ai raggi incidenti. Talvolta  però intorno all’astro si forma anche secondo alone con raggio di apertura  di 46 gradi e generato per rifrazione dai cristalli colonnari orientati come in figura.  All’interno dei cirri però esiste anche una certa quantità, seppure minoritaria, di cristalli piatti i  quali nella loro caduta mantengono orizzontale  invece la loro base piana. La rifrazione della luce da tali cristalli piani dà luogo talvolta, a destra e a sinistra del sole e appena al di fuori dell’alone a 22 gradi,  a due  immagini del sole ( i  falsi soli o i cani del sole, visibili nella foto). Ma a seconda dell’orientamento e del tipo di cristalli di ghiaccio, i cirri possono dar luogo a numerosi altri fenomeni ottici:  il cerchio parelio ( striscia orizzontale bianca, parallela all’orizzonte e passante per il sole); l’arco cicumzenitale ( una scia luminosa concava verso l’alto appoggiata alla parte superiore dell’alone di 46°, visibile nella figura allegata); gli archi tangenti al bordo superiore e inferiore dell’alone di 22°. Gli aloni hanno anche una certa importanza nelle previsioni del tempo. Infatti la loro presenza indica che sulla verticale del luogo sono giunti cirri o cirrostrati, nubi molte alte e che di solito precedono di 500-800 km l’arrivo di un fronte caldo nelle prossime 24-36 ore.


 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

15 FEB
Alta pressione protagonista, aria molto mite sulle Alpi
14 FEB
L’evoluzione in quattro distinte fasi fino al 23 febbraio. Periodo poco dinamico
12 FEB
L’alta pressione guadagna ulteriore spazio sul Mediterraneo
15 FEB
Tendenza meteo fino metà mese, tra poco online
12 FEB
Danni pesantissimi nel Nord del Paese
12 FEB
Mareggiate lungo le coste esposte. Una nuova perturbazione proveniente dall’Europa nord-orientale, giungerà nella giornata di domani