In pubblicazione il 16 DIC 2018

La neve a Natale

In passato i fiocchi di neve sono caduti talvolta anche il giorno di Natale, rendendo questa giornata ancora più magica


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Nei secoli passati le condizioni meteo in inverno erano decisamente più rigide e non era insolito che anche a Natale i fiocchi di neve scendessero fino a quote molto basse. Con il cambiamento climatico in atto da qualche decennio però gli inverni italiani sono diventati decisamente più miti e anche il Natale ha dovuto, spesso, rinunciare alla neve. Ma quali sono le annate in cui in Italia abbiamo vissuto un vero e proprio “bianco Natale”?

Nei secoli passati si contano numerosi episodi, e tra questi sicuramente spiccano il Natale del 1464, quando in Toscana di neve ne cadde quasi un metro, il Natale del 1602, caratterizzato da un’abbondante nevicata a Bologna, e il Natale del 1808, durante il quale sulle pianure del Piemonte la neve cadde così abbondante da raggiungere uno spessore al suolo di oltre 90 cm!


In epoche più recenti, nella seconda metà del XX secolo, si contano diversi episodi, tra cui spicca soprattutto il 1986 quando la neve si spinse a imbiancare addirittura le strade di Palermo. L’ultima nevicata natalizia del secolo, almeno a quote di pianura, è invece quella del 1993, durante la quale vennero imbiancate diverse aree di pianura del Nord Italia.

E nel nuovo millennio? Gli anni 2000 solo in tre occasioni ci hanno regalato un bianco Natale. Nel primo caso era proprio il 25 dicembre 2000, e la nevicata interessò prevalentemente il Nordovest, comprese le città di Torino e, soprattutto, Milano, dove l’accumulo nevoso fu di circa 20 cm. Quattro anni più tardi, nel 2004, altra nevicata natalizia sempre più o meno nelle medesime aree, Piemonte e Lombardia. Nel 2008 invece la neve imbiancò fino in pianura diverse province di Veneto e Friuli. Da allora più niente, ma chissà… può darsi che quest’anno sia la volta buona per riprendere la tradizione del bianco Natale!



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
20 AGO
Forti raffiche di vento, operazioni difficili
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola