In pubblicazione il 30 AGO 2015

La sindrome da rientro dalle ferie

Malesseri psico-fisici scatenati dalla fine delle ferie e dalla brusca ripresa delle consueta attività


Fonte Immagine: www.online-news.it

 

Siete appena ritornati da un lungo periodo di ferie estive e magari avvertite un malessere generale sotto forma di mal di testa, sonnolenza, tristezza, nervosismo, nausea, disturbi digestivi, formicolii alle mani, scarsa capacità di concentrazione. Non vi preoccupate più di tanto: probabilmente siete vittime della “sindrome da rientro” dalle vacanze estive. I sintomi compaiono soprattutto in coloro che  si sono subito tuffati nelle  consuete attività lavorative. Le cause di tali malesseri vanno ricercate soprattutto  nel fatto che  in molti individui la mente e il fisico non sono in genere pronti per sopportare il notevole surplus di  energie interne richieste dal brusco cambiamento di ritmi e di alimentazione. La sindrome colpisce soprattutto il gentil sesso perché solo durante le ferie le donne riescono finalmente a sospendere le solite noiose e faticose attività domestiche (pulire, stirare, cucinare).

 Ed ecco allora qualche consiglio per ridurre al minimo i malesseri, secondo la medicina:

  • Rientrare dalle ferie 2-3 giorni prima della ripresa dell’attività lavorativa;
  • Appena riprendete il lavoro consideratevi ”in rodaggio” ovvero, regolate, giorno dopo giorno, il vostro impegno lavorativo, fino a entrare a  “regime” dopo 1-2 settimane;
  • Le calorie nell’alimentazione – di solito eccedenti  durante le ferie –  vanno ridotte a non più di 2000 al giorno  ma senza saltare i pasti;
  • Riequilibrare i ritmi del sonno andando a letto tra le 23 e mezzanotte e alzandosi intorno alle 7 .

Ma molto spesso la sindrome da rientro si manifesta con altri sintomi quali spossatezza, qualche linea di febbre, dolori muscolari, raffreddore e mal di gola, malesseri che, tra l’altro, proprio nei giorni appena passati hanno colpito molti tra coloro che sono appena ritornati da un lungo periodo di ferie in paesi caldi o esotici.  Questo tipo di sindrome viene scambiata spesso per un’influenza, anche se i disturbi sono scatenati, anche in questo caso, da virus, il più delle volte già presenti in maniera stabile nel nostro organismo, ma, talvolta, presi invece in un paese esotico.

Sono tre la circostanze che favoriscono l’insorgere di questo secondo tipo di ”sindrome da rientro”:


  • lo stress da viaggio di ritorno - specie se di lunga durata e in ambiente disagiato - il quale ha l’effetto di abbassare le difese immunitarie dell’organismo che diviene così più vulnerabile dai virus;
  •  il brusco passaggio, all’atto del rientro, da un clima all’altro, specie nel caso in cui si rientri da paesi particolarmente  più caldi e specie se il rientro in Italia coincida con un periodo caratterizzato da temperature piuttosto fresche; e,
  • infine, il peso psicologico della ripresa del lavoro, specie in coloro che svolgono mansioni routinarie e di scarso appagamento, e che quindi avvertono la ripresa del lavoro come un ritorno alla frustrazione, all’abitudine, alla noia e all’impossibilità di nuove evasioni fino alla prossima estate.

 

 

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

15 FEB
Alta pressione protagonista, aria molto mite sulle Alpi
14 FEB
L’evoluzione in quattro distinte fasi fino al 23 febbraio. Periodo poco dinamico
12 FEB
L’alta pressione guadagna ulteriore spazio sul Mediterraneo
15 FEB
Tendenza meteo fino metà mese, tra poco online
12 FEB
Danni pesantissimi nel Nord del Paese
12 FEB
Mareggiate lungo le coste esposte. Una nuova perturbazione proveniente dall’Europa nord-orientale, giungerà nella giornata di domani