In pubblicazione il 12 LUG 2015

Le zanzare in estate scelgono chi pungere

Scopri qui se sei il loro bersaglio preferito. Antidoti...


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Con l’estate aumenta il rischio di essere punti dalle zanzare. Solo le zanzare femmine sono, però, in grado di succhiare il sangue all’uomo e agli altri animali per nutrirsi e rendere fertili le uova prima della deposizione. Ma perché una persona su dieci è particolarmente è il bersaglio preferito dalle zanzare? E’ diffusa la convinzione che questo dipenda dal tipo di sudorazione, dalla temperatura corporea o dal grado di dolcezza del sangue ma, secondo gli studi del professore Butler dell’Università della Florida, l’85% delle punture di zanzare ha un’origine genetica.
Chi ha, per esempio, una pelle molto ricca di colesterolo (che non ha alcuna relazione con il colesterolo del sangue) è molto più esposto alle punture. E poi c’è l’anidride carbonica (CO2) che le zanzare riescono a percepire fino a 40 metri di distanza tramite sensori posizionati sulle antenne: le persone grosse e pesanti, le donne incinte e chi pratica attività sportiva producono con la respirazione grandi quantità di CO2 e in questo modo segnalano in modo evidente la propria presenza.
Ma secondo le più recenti ricerche le zanzare prediligono soprattutto le persone il cui sangue è di tipo zero. In particolare zanzare hanno quasi il doppio delle probabilità di prendere di mira persone con sangue di tipo zero rispetto a quelli di tipo A. Infatti sembra che questi insetti considerano il sangue di tipo zero più gustoso di qualsiasi altro tipo di sangue Le zanzare non sono in grado di produrre autonomamente queste sostanze a loro utili e gradite e cercano di ottenerle da fonti terze. Per difendersi si può ricorrere a prodotti naturali come l’olio di semi di soia (secondo gli esperti il migliore tra quelli non chimici) che garantisce fino a 90 minuti di protezione, l’olio di citronella, la menta, il limone, l’eucalipto e il geranio che difendono dalle zanzare per periodi più brevi.
 




Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

I due nuclei di aria fredda in arrivo dal Nordest europeo visti alla quota di 5500m visti domenica 18 e martedì 20 novembre
16 NOV
Prima ondata, moderata. La seconda invece intensa 
15 NOV
Attese nevicate lungo la dorsale appenninica dei versanti adriatici e sui settori Alpini (qui in forma più debole)
15 NOV
L’aria fredda inizierà a fluire dalle prime ore, attenzione al maltempo localmente intenso
15 NOV
La nostra opinione sulla base degli indici climatici più importanti
16 NOV
Allagamenti sulla costa nord orientale
16 NOV
E' la 3° eruzione dell'anno | VIDEO
15 NOV
Nel 1952 la capitale inglese rimase intrappolata per numerosi giorni in una cappa di fitta nebbia intrisa di sostanze inquinanti, con gravi conseguenze sulla cittadinanza
14 NOV
Lettera inviata al sindaco di Rocca Pietore da Achille di Mira (Venezia)