In pubblicazione il 9 APR 2016

L'eccezionale ondata di freddo e neve dell'Aprile 2003: neve fino a Bari!

Neve da Venezia a Rimini, da Ancona a Bari!


Fonte Immagine: Bari

 

I frutteti fioriti, gli alberi con le prime foglie, le prime passeggiate tra le margherite e..la neve. Il mese di Aprile in passato fu anche freddo e nevoso. Nel 2003, per esempio, l'arrivo del freddo fu determinato, come spesso accade, da un forte Anticiclone sull'Atlantico che interessava anche il Regno Unito mentre aria molto fredda stazionava sul nord est Europa e iniziò il cammino poi verso la nostra Penisola.

L'aria fredda la sera di domenica 6 Aprile iniziò a portare forti venti di Bora sul versante Adriatico con quota neve in calo fin sulle aree collinari. Ma fu la giornata del 7 Aprile quella più fredda. Nelle prime ore del mattino la neve cadde a tratti fino in pianura dalla Romagna fino a Pescara, ma nel pomeriggio la neve riprese a cadere a tratti forte con intensi venti da Venezia a Bologna, da Parma a Forlì e poi a Rimini, ma anche sulle Marche ed Abruzzo. Neve poi sulle coste della Puglia, come a Bari, ma a bassissima quota anche in Calabria. La neve cadde abbondante anche a Termoli.

Temperature poi molto basse con gelate intense la notte su martedì 8 aprile con valori da record. In pianura in Emilia Romagna si raggiunsero valori fino a -8°C, valori sotto lo zero anche a Napoli, Catanzaro, Ancona e Roma. Dalle Alpi agli Appennini le temperature crollarono sotto i -10°C, fino a -20°C sul Passo dello Stelvio e -26°C sulla Marmolada.


Ma questo inverno tardivo poi si contrappose ad una estate tra le più roventi di sempre qualche mese dopo...



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

l secondo freddo alle ore 22.00 del 19 novembre
18 NOV
Ecco dove e quando. Aggiornamento di sabato mattina
18 NOV
Un’area depressionaria, in arrivo sul Mediterraneo occidentale attiverà temporali e venti di burrasca in arrivo sulle regioni centro-meridionali
17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo