In pubblicazione il 15 NOV 2015

Nebbia e foschia non sono la stessa cosa!

Spesso confusione anche tra gli "addetti ai lavori"


Fonte Immagine: Skeeze su pixabay.com

 

La stagione autunnale sta entrando nel vivo e con i primi  freddi notturni la visibilità dell’aria  risulta spesso piuttosto scarsa ma  immancabilmente c’è chi scambia la nebbia con la foschia.

Rinfreschiamo allora un po’ l’argomento.

La nebbia e la foschia sono fenomeni che riducono la visibilità dell’aria per la presenza nell’atmosfera prossima al suolo di minutissime goccioline di acqua (non più grandi di 5-10 millesimi di millimetro). Nel gergo comune, ma anche nei mass-media, i due fenomeni vengono spesso confusi e trattati alla stessa stregua.

In realtà, secondo le definizione internazionale, per foschia si intende una riduzione della visibilità, ad opera delle goccioline d’acqua in sospensione nell’atmosfera, a valori tra 1 e 10 km. In una “densa foschia”  le goccioline sono così numerose da ridurre la visibilità a valori di 1-2 km. Quando invece, per effetto delle goccioline, la visibilità  viene ridotta a valori inferiori ad 1 km, allora si è in presenza di nebbia. La foschia, come si può arguire, ha scarsa rilevanza pratica per le normali attività umane, tranne l’aviazione. Questo è il motivo per cui i meteorologi in genere evitano di parlare di foschia nei propri notiziari TV, onde non ingenerare confusione tra i due fenomeni. 

Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Flessione termica attesa nella giornata di lunedì
20 SET
Temperature anomale continuano ad interessare la Penisola, ma da lunedì cambierà tutto
19 SET
Nella nuova settimana si volterà pagina, la lunga fase settembrina verrà archiviata
19 SET
Vortice mediterraneo porterà intense precipitazioni
Pressione all quota media di 5500m domneivca 23
18 SET
Un ultimo fine settimana con temperature fino a 30 gradi
20 SET
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
18 SET
Un nuovo studio raddoppia le morti provocate dallo smog
17 SET
Mete turistiche più appetibili dal punto di vista climatico