In pubblicazione il 15 NOV 2015

Nebbia e foschia non sono la stessa cosa!

Spesso confusione anche tra gli "addetti ai lavori"


Fonte Immagine: Skeeze su pixabay.com

 

La stagione autunnale sta entrando nel vivo e con i primi  freddi notturni la visibilità dell’aria  risulta spesso piuttosto scarsa ma  immancabilmente c’è chi scambia la nebbia con la foschia.

Rinfreschiamo allora un po’ l’argomento.


La nebbia e la foschia sono fenomeni che riducono la visibilità dell’aria per la presenza nell’atmosfera prossima al suolo di minutissime goccioline di acqua (non più grandi di 5-10 millesimi di millimetro). Nel gergo comune, ma anche nei mass-media, i due fenomeni vengono spesso confusi e trattati alla stessa stregua.

In realtà, secondo le definizione internazionale, per foschia si intende una riduzione della visibilità, ad opera delle goccioline d’acqua in sospensione nell’atmosfera, a valori tra 1 e 10 km. In una “densa foschia”  le goccioline sono così numerose da ridurre la visibilità a valori di 1-2 km. Quando invece, per effetto delle goccioline, la visibilità  viene ridotta a valori inferiori ad 1 km, allora si è in presenza di nebbia. La foschia, come si può arguire, ha scarsa rilevanza pratica per le normali attività umane, tranne l’aviazione. Questo è il motivo per cui i meteorologi in genere evitano di parlare di foschia nei propri notiziari TV, onde non ingenerare confusione tra i due fenomeni. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

20 FEB
Ancora molti giorni in ostaggio di un possente dell’anticiclone
18 FEB
Fitti banchi di nebbia e più nubi lungo i settori Tirrenici. Aumenta l'umidità nei bassi strati
Temperature.a1500m il 23 febbraio
18 FEB
Dal molto caldo al molto freddo 
20 FEB
L'aeroporto era già stato chiuso in parte questa mattina
19 FEB
La situazione peggiorerà nei prosismi 2 giorni
17 FEB
Diverse le alluvioni lampo negli ultimi mesi nel Paese