In pubblicazione il 11 GIU 2016

Puglia e Sardegna in testa nella classifica del mare blu

"Cresce il turismo verde: quello che si gioca sui valori della natura, dell'autenticità, della cultura"


Fonte Immagine: web

 


Sardegna e Puglia. Sono le fuoriclasse, le aree con le migliori performance in sostenibilità e tutela ambientale. Anche quest'anno la classifica del mare pulito messa a punto da Legambiente e Touring Club conferma il primato di queste due regioni: conquistano metà delle 5 vele marine (in tutto 19 località, più 7 lacustri) che figurano bell'edizione 2016 della Guida Blu. Ma, sparse per la penisola, ci sono molti Comuni che hanno tenuto alta la bandiera della qualità ambientale e della valorizzazione del territorio. In cima all'elenco troviamo Domus de Maria (Cagliari) che conquista il primato grazie all'impegno per la tutela e la valorizzazione del paesaggio naturale e alla cura dedicata all'educazione ambientale e ai beni archeologici. Subito dopo Pollica (Salerno): la perla del Cilento il mare, oltre a tenerlo pulito, lo usa per produrre energia elettrica con un impianto sperimentale che utilizza il moto ondoso. E poi Castiglione della Pescaia (Grosseto), che difendendo la laguna è riuscita a richiamare anche il falco pescatore, tornato a nidificare in Maremma. La classifica prosegue con Posada (Nuoro), Santa Marina Salina (Messina), San Vito Lo Capo (Trapani), Vernazza (La Spezia), Maratea (Potenza), Capalbio (Grosseto), Otranto (Lecce), Polignano a Mare (Bari), Bosa (Oristano), Melendugno (Lecce), Camerota (Salerno), Baunei (Ogliastra), Isola del Giglio (Grosseto), Castro (Lecce) e Santa Teresa di Gallura (Sassari) - le new entry della classifica del mare più bello 2016 - e Roccella Jonica (Reggio Calabria). La sezione dedicata al turismo sui laghi vede invece in testa il Trentino-Alto Adige con ben 3 su 7 delle 5 vele: Appiano (Bolzano) sul lago di Monticolo, Fiè allo Sciliar (Bolzano) e Molveno (Trento) vincitrice della classifica dei laghi. "Le località che hanno conquistato le 5 vele sono quelle che si proiettano con più convinzione nello scenario del nuovo turismo che si profila", spiega Sebastiano Venneri, responsabile mare di Legambiente. "Gli esperti del settore considerano infatti il mare un segmento maturo; vuol dire che è un mercato turistico che in Italia non cresce più, semmai può fare un passo indietro. L'estate 2015 ha invece segnato il picco della domanda di turismo verde: quello che si gioca sui valori della natura, dell'autenticità, della cultura. Si è registrato un aumento del 5% del cicloturismo che ha raggiunto 13 milioni di pernottamenti. L'Italia deve correggere la rotta: siamo primi nella domanda estera degli over 45, ma i giovani cercano altro, soprattutto un ambiente autentico. C'è, bisogna valorizzarlo" Legambiente lancia anche l'invito a scegliere e segnalare entro il 30 giugno su internet (www.legambiente.it/lapiubella) e sui social network (#laspiaggiapiùbella), la spiaggia più bella d'Italia per individuare i dieci lidi top del Belpaese, quelli che hanno fatto della bellezza la principale risorsa. Insieme al nome della spiaggia l'associazione ambientalista chiede di spiegare la scelta, perché la bellezza non è solo un dato estetico. Fonte LaRepubblica


Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

22 FEB
Un vero e propio tracollo termico quello che ci attenderà nel fine settimana proiettandoci nell’Inverno più classico sopratutto al sud
Temperature a 1500m alle ore 13.00 del 23 febbraio
21 FEB
Fugace ritorno dell’inverno al Centrosud, 
21 FEB
La giornata di venerdì si mostrerà assolutamente primaverile con picchi fino a 20 gradi. Più freddo ovunque nel fine settimana
20 FEB
L'aeroporto era già stato chiuso in parte questa mattina
19 FEB
La situazione peggiorerà nei prosismi 2 giorni
17 FEB
Diverse le alluvioni lampo negli ultimi mesi nel Paese