In pubblicazione il 26 LUG 2015

Temperatura e umidità in casa: quali quelli giusti?

Ecco i valori ottimali per il massimo confort psico-fisico


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Le nostre sensazioni di benessere dipendono non solo dalla temperatura dell’aria, ma anche dall’umidità.

Ad esempio, a 40 °C,   con un’umidità relativa del 10% si sta meglio che a 30 °C, ma con un’umidità dell’80%.  

Per ogni valore di umidità relativa vi è temperatura ottimale di massimo benessere. In genere con un’umidità del 60% la maggior parte degli individui avverte sensazioni da caldo afoso non appena la temperatura dell’aria supera i 24,8 °C; e ancora, con un’umidità dell’80%, si avverte disagio da freddo o umido quando la temperatura scende al di sotto di 2,2 °C.

 Entro le parte domestiche il massimo confort si ottiene con temperature intorno 20-22 °C e umidità del 40-65 % (vedi tabella), nell’ipotesi però di persona a riposo. In realtà i valori ottimali variano  secondo l’età, l’attività e lo stato di salute. In genere anziani, donne e  ammalati  hanno bisogno, a parità di umidità, di  0.5-1.0 °C  in più in inverno e in meno in estate per avvertire benessere  Se poi il corpo è impegnato in un lavoro manuale, solo il 30% dell’energia viene impiegata in lavoro, mentre il resto va a finire in calore. Ecco perché una casalinga alle prese con le pulizie, se vuole evitare di sentire caldo dovrebbe abbassare o la temperatura o l’umidità dell’ambiente, rispetto ai valori indicati in tabella.


Tabella: per ogni temperatura vi è un valore di umidità relativa che assicura il massimo confort entro le pareti domestiche.

 

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

15 FEB
Alta pressione protagonista, aria molto mite sulle Alpi
14 FEB
L’evoluzione in quattro distinte fasi fino al 23 febbraio. Periodo poco dinamico
12 FEB
L’alta pressione guadagna ulteriore spazio sul Mediterraneo
15 FEB
Tendenza meteo fino metà mese, tra poco online
12 FEB
Danni pesantissimi nel Nord del Paese
12 FEB
Mareggiate lungo le coste esposte. Una nuova perturbazione proveniente dall’Europa nord-orientale, giungerà nella giornata di domani