In pubblicazione il 27 GIU 2016

Trovato da scienziati un composto che uccide il 98% dei batteri resistenti ai farmaci

Redazione Blue Planet Heart tratto da www.sciencealert.com di FIONA MACDONALD


Fonte Immagine: www.sciencealert.com

 

I ricercatori hanno scoperto un composto in una spugna di mare dell’Antartide che è in grado di uccidere il 98 per cento del superb batteri  farmaco-resistenti, tipo lo Staphylococcus aureus,meglio conosciuto come MRSA, che si sta rapidamente diffondendo negli Stati Uniti .

Con sempre più specie di batteri in grado di diventare resistenti agli antibiotici che abbiamo a disposizione, gli scienziati sono disperatamente alla ricerca di nuovi modi per proteggere la razza umana contro le infezioni , e le prime ricerche suggeriscono che la spugna antartica potrebbe essere un’opzione.

Le infezioni portate dallo Staphylococcus aureus - o stafilococco – sono abbastanza comuni, in particolare in ambito ospedaliero, e in circostanze normali non sono particolarmente difficili da trattare. Ma il MRSA è un ceppo che ha sviluppato resistenza alla maggior parte degli antibiotici che abbiamo a disposizione, il che significa che può diffondersi rapidamente da una infezione superficiale, come ad esempio una infezione della pelle, ad una invasiva, che può essere pericolosa per la vita.

Secondo il Centro per il Controllo delle Malattie (CDC), circa 80.000 infezioni da MRSA sono state diagnosticate negli Stati Uniti ogni anno, e 11.000 persone muoiono per complicazioni da MRSA – e in questo momento, non abbiamo davvero molte opzioni per combatterli.

È per questo che la scoperta di questo nuovo composto, che è stato chiamato ‘darwinolide’, è così eccitante. I ricercatori hanno trovato questo composto all’interno di una spugna antartica, la Dendrilla membranosa, che su prove di laboratorio iniziali hanno dimostrato che è in grado di uccidere il 98,4 per cento delle cellule MRSA .

“E ‘un composto che difende dai microbi con alcune proprietà molto interessanti,” ha detto uno dei ricercatori, James McClintock , presso la University of Alabama a Birmingham.

E ‘ancora molto presto, ma questa non è la prima volta che i composti medicalmente interessanti sono stati trovati negli organismi dell’oceano in Antartide, infatti  McClintock e il suo team hanno già identificato un composto di alghe che combatte il ceppo H1N1 del virus dell’influenza , e un altro che agisce contro il melanoma .

 I biologi hanno affermato che la regione è così estrema per la sopravvivenza della vita  che alcune specie sono state costrette ad adottare alcuni modi unici per sopravvivere – tra cui alcuni meccanismi di difesa potenti, come i composti tossici.

“Le spugne non sono protetti da gusci e non possono muoversi,” afferma McClintock – il quale aggiunge che questo li lascia senza alcuna difesa fisica contro i carichi di batteri dell’acqua in cui vivono.

La soluzione della spugna di mare è quella di produrre una vasta gamma di “composti cattivi” che uccidono i batteri con cui vengono a contatto, nella speranza di mantenersi prive di infezioni.

E la squadra di McClintocks ora è stata in grado di isolare uno di quelli,  il darwinolide, e hanno dimostrato che ha un potenziale enorme, in laboratorio, almeno, quando si tratta di combattere il MRSA.

mescolare Spugna-Dendrilla-membranosaBill Baker


I ricercatori hanno ora brevettato il composto, ma sono ancora nella fase in cui si cerca di capire esattamente come funziona. Le prove di laboratorio finora suggeriscono che esso ha una struttura unica che permette di penetrare il ‘biofilm’ che l’MRSA getta per proteggersi dai trattamenti.

“Quando prendiamo antibiotici, questi vanno a caccia di batteri nei fluidi”, afferma McClintock – ed è per questo che spesso sono così  inutili contro il MRSA.

“Il Darwinolide si differenzia dal precedente composto, in qualche modo simile, estratto dalle spugne perché la sua struttura ad anello centrale è riorganizzata in modo insolito”, ha aggiunto uno dei ricercatori, Charles Amsler .

Il passo successivo è quello di sintetizzare il darwinolide in laboratorio, in modo da non doverlo estrarre direttamente dalle spugne antartiche dal vivo. Ciò fornirà ulteriori indicazioni circa la sua struttura, e aiuterà la squadra a capire come funziona esattamente e come si combatte l’MRSA, e se potrà essere trasformato in un trattamento giornaliero.

Se i ricercatori saranno in grado di dimostrare che possono usare il darwinolide per combattere il MRSA in un ambiente clinico, questo potrebbe salvare la vita di decine di migliaia di persone ogni anno, quindi siamo abbastanza curiosi di vedere cosa succederà adesso.

La ricerca è stata pubblicata in Organics Letters



Fonte Articolo: www.sciencealert.com di FIONA MACDONALD

ULTIMI ARTICOLI

20 NOV
In questo inizio settimana la neve al Nord è scesa fino in collina, ma presto arriveranno nuove nevicate
19 NOV
Allerta arancione in sette regioni, temporali al centro-sud, nevicate sull’arco alpino e sull’Emilia-Romagna e forti venti su tutta la penisola
19 NOV
Finalmente è arrivata. La classica aria “dal sapore di neve” ha raggiunto il Centro Nord Italiano. Basterà per la neve in pianura?
20 NOV
Italia meridionale colpita e affondata. Tanti fenomeni estremi in questa giornata da dimenticare
20 NOV
Si tratta di una tromba marina, per fortuna non ha arrecato danni di rilievo
19 NOV
Ma anche su parte dell’Italia
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota