In pubblicazione il 25 GIU 2016

Caldo al Centronord: entro domenica "estate normale"

Dove e quando si attenuerà il caldo…


Fonte Immagine: EUMETSAT ore 10.00

 

I primi temporali che hanno già raggiunto il Nord Italia sono i "temporali prefrontali" ossia quelli che di solito precedono di 12-18 ore l'arrivo della perturbazione atlantica - con annesse correnti più fresche - che alla ore 10.00 di oggi, sabato, era ancora sulla Francia centrale (mappa di copertina)

Pertanto non bisogna farsi illusioni circa la tempistica odierna di attenuazione del caldo.

Infatti temporali più diffusi  portati dalla perturbazione si vericheranno sul Nord Italia probabilmente di più nel tardo pomeriggio e quindi tappo tardi per attenuare  le temperature massime sul  Nord Italia.

Solo nella sera odierna si avvertirà rispetto a ieri, venerdì, più refrigerio quando le temperature caleranno di 2-4 gradi (mappa).


Per l'attenuazione del caldo al Centro, invece bisognerà attendere la giornata di domani, domenica (mappa). Sempre nella giornata di domenica le temperature caleranno ulteriormente sulle regioni di Nordovest.

N.B.

Abbiamo parlato  di "attenuazione del caldo" per ricordare che le temperare massime entro domenica 26 si porteranno sui valori normali previsti per la  fine di giugno. Ma i valori normali sono comunque "da caldo" perché oscilleranno tra 28 e 30 gradi lungo le zone costiere e 30-32 nelle zone interne. Ossia un "nomale" caldo estivo.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

23 MAR
Dal caldo estivo al freddo invernale in 24-36 ore
23 MAR
Aria fredda in discesa dalla Scandinavia entra nel Mediterraneo dai Balcani
23 MAR
Temperature in sensibile aumento con punte di 24°C: ottimo clima per le classiche gite domenicali
22 MAR
Grave crisi idrica su Piemonte, la Lombardia, il ponente ligure e la Toscana. Qualche dato statistico
23 MAR
Raffiche a 250 km/h ed onde alte 13 metri!
20 MAR
Spunta il sole sull'Europa e la linea dell'ombra è bella dritta dal Polo all'Equatore: foto scattata dal satellite
20 MAR
Nel riminese migliaia di pesci morti