In pubblicazione il 26 NOV 2018

Caldo o freddo in arrivo?

La risposta in una corretta interpretazione dei modelli più accreditati


Fonte Immagine: GFS Ensemble

 

Un errore molto comune e molto frequente nelle previsioni  tra 7 e 15 giorni è quello di guardare solo l'andamento del modello “operativo” o ad alta precisione HRES (HighRES) di GFS e ECMWF.

Ebbene sappiate che da sole tali proiezioni non sono in grado quanto l’andamento meteo previsto dai rispettivi modelli operativi sia affidabile.

Tale non corretta interpretazione ha, anche oggi, martedì 27 novembre, condotto fuori strada molti appassionati meteo ma anche qualche “addetto ai lavori” .

Allo scopo osservate il grafico sotto allegato il quale riporta per Milano l'andamento della temperatura prevista nei prossimi 15 giorni  alla quota di 1500m da parte del modello GFS.

  • La linea blu è l’andamento previsto dal modello operativo” (OP nella figura), teoricamente il più  preciso e che prevedrebbe intorno all’8-9 di dicembre una temperatura polare di quasi 10 gradi sotto zero;
  • La linea rossa raffigura l’andamento previsto, sempre della  temperatura intorno 1500m come media di altre simultanee 40 previsioni;
  • Il trattino verticale grigio è la “deviazione  standard” ovvero lo scarto medio dalla media calcolato sulle 40 previsioni. Il trattino in pratica, secondo le leggi della statistica., delimita  l’intervallo di temperature a 1500m ove cade il 68% circa delle 40 previsioni.  Quelle che cadono fuori (al di sopra o al di sotto) hanno una probabilità di successo senz’altro altro inferiore al 16%

Ad esempio la linea blu (teoricamente la previsione più precisa del modello GFS) cade abbondantemente fuori del trattino grigio e grosso modo ha una affidabilità intorno al 5%.

Avrete allora capito i 3 elementi grafici non siano messi solo per scenografia.


Insomma la linea rossa e il trattino grigio sono messi lì non per abbellire il grafico ma per decidere quale affidabilità si possa appunto assegnare alla linea blu. 

Infatti solo dall'esame congiunto dei 3 elementi scaturisce una previsione attendibile. Circa il confronto della linea blu con la linea rossa e il trattino grigio ho già scritto varie volte. 

E che quella previsione dell’arrivo del rigido inverno sia poco affidabile lo dimostra la proiezione di temperature a 1500m nei prossimi 15 giorni sempre su Milano da parte  del modello HRES europeo  ECMWF.

Paradossalmente adesso intorno alla stressa data dell’8-9 dicembre prevedono temperature sopra alla media, ma così tanto al di sopra della media da rendere poco affidabile anche tale proiezione.

Insomma dopo il 6-7 dicembre, almeno ad oggi, è poco credibile che arrivi una ondata di freddo intenso e ma neppure “caldo africano”.

Poi magari la natura, per farmi un dispetto,  alla fine decide di... sposare una delle 2 previsioni.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

19 MAG
Fenomeni più probabili al Centro Nord, qualche spazio sereno in più al Sud
Lingua di aria calda alla quota di 1500me di origine Nord africana il 29 maggio
19 MAG
Possibile un recupero termico entro la fine del mese con 2 incursioni dell’Africano?
18 MAG
L’alta pressione proverà a raggiungere la Penisola, ma il caldo intenso resterà ben lontano
18 MAG
Tra il 22 ed 24 maggio temperature in aumento, ma 40 gradi assolutamente no!
20 MAG
20 e 29 Maggio, due forti scosse di terremoto mettono in ginocchio l'Emilia Romagna
18 MAG
Piogge su gran parte del Centronord
17 MAG
12°C a Catania e 60 mm di pioggia
15 MAG
Lazio, Campania, basso Tirreno  a rischio forti temporali