In pubblicazione il 8 NOV 2015

Catastrofica mega esplosione solare entro il 2022?

Notizia diffusa dal Washington Post


Fonte Immagine: NASA

 

 Secondo il quotidiano ( vedi qui https://www.washingtonpost.com/news/capital-weather-gang/wp/2015/10/29/white-house-releases-action-plan-to-confront-real-and-present-space-weather-threats/ ) gli scienziati della Nasa affermano che abbiamo il 12% delle probabilità di essere colpiti entro il 2022 da una mega esplosione solare che provocherebbe un black-out mondiale nella rete elettrica, nelle telecomunicazioni ed internet. Secondo la NASA già il 23 luglio 21012 la terra evitò per un pelo una simile eventualità, che avrebbe seminato per mesi il caos sul globo.

 In quel giorno il vento solare proiettato nello spazio da una tempesta solare  super-eccezionale sfiorò terra. "Se lo avesse colpita, oggi  staremmo ancora a raccoglierne i frantumi" dice Daniel Baker dell'Università del Colorado, che nel 2014 aveva presentato un discorso intitolato The Major Solar Eruptive Event in July 2012: Defining Extreme Space Weather Scenarios.  L'evento è raccontato in questo articolo della Nasa

 http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2014/02may_superstorm    

e anche in questo video http://www.youtube.com/watch?v=7ukQhycKOFw


 Il  23 luglio 2012, una apocalittica  esplosione solare del tipo  "CME"  (Coronal Mass Ejection) proiettò  nello spazio un fiume di protoni, elettroni e particelle alfa alla velocità di circa 3000 km/s, ovvero più di quattro volte più veloce di una tipica eruzione. La tempesta rischiò di incrociare per una inezia l'orbita terrestre, ma fortunatamente la terra non era lì. I ricercatori ne hanno analizzato i dati e hanno concluso che la tempesta era una delle più forti mai osservate. "Avrebbe potuto essere più forte dell'evento di Carrington stesso,"  ha detto Baker.

L'evento di Carrington, avvenuto nel settembre 1859,  fu un'altra CME di pari potenza  che colpì la terra frontalmente nell'emisfero Nord, mettendo ko le linee telegrafiche  e le centrali dell'epoca. Una simile tempesta oggi potrebbe avere un effetto catastrofico sulla rete elettrica moderna e sulle reti di telecomunicazione. Secondo uno studio dell'Accademia Nazionale delle scienze, l'impatto economico totale potrebbe superare i $2 trilioni o avere costi 20 volte superiori a quelli dell'uragano Katrina. I trasformatori  multi-tonnellate delle reti elettriche, bruciati da una simile tempesta, richiederebbero anni per essere riparati. Quando avvenne l'evento di Carrington le tecnologie dell'epoca erano appena vulnerabile dai disturbi elettromagnetici. La società moderna è invece profondamente dipendente da sensibili tecnologie come i GPS, le comunicazioni satellitari e internet.  «L'effetto di una tale tempesta sulle nostre tecnologie moderne sarebbe tremendo,» ha detto Luhmann un Fisico dello spazio della University of California, Berkeley.

 

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
17 NOV
Si prevedono forti nevicate su vaste aree del sud-est asiatico e parte dell'Europa orientale
17 NOV
Una colata fredda in discesa dall’Artico adeguerà l’assetto per le prime nevicate a quote basse
16 NOV
Piogge e rovesci anche intensi sul basso Adriatico e sulle aree ioniche. Generalmente discreto sulle restanti aree, clima più fresco
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo
17 NOV
Eravamo abituati a temperature troppo miti per il periodo
16 NOV
Allagamenti sulla costa nord orientale
16 NOV
E' la 3° eruzione dell'anno | VIDEO