In pubblicazione il 20 FEB 2018

Freddo eccezionale in arrivo: ad oggi sarebbe la più forte ondata di freddo dopo quella del 1985

Ecco un quadro molto sintetico su ciò che potrebbe accadere nella prossima settimana

Fig.1 (di copertina) - L'ondata di freddo prevista alla quota di 1500m dal modello americano GFS alla fine di domenica 25 febbraio
Fig.1 (di copertina) - L'ondata di freddo prevista alla quota di 1500m dal modello americano GFS alla fine di domenica 25 febbraio
Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Sia modello europeo ECMWF che quello americano GFS, per il 4^ giorno consecutivo prevedono  temperature intorno -12°C/-10° alla quota di 1500m anche se quello americano è più cauto circa le temperature previste al suolo.


E' ormai certo che a partire da  domenica 25 febbraio  l'Italia sarà investita da un'ondata di freddo. E fin qui nulla di nuovo, visto che siamo ancora in inverno.


L'ondata di freddo arriverebbe dalla Russi europea  -  ma anche questo un evento normale in inverno - e non dalla Siberia, come del resto mostra le prime due immagini

Fig.1 (di copertina) - L'ondata di freddo prevista alla quota di 1500m dal modello americano GFS alla fine di domenica 25 febbraio

Fig.2 - L'ondata di freddo prevista alla quota di 5500m dal modello europeo ECMWF il 27 febbraio

Ma la vera eclatante novità è che, ad oggi, i principi modelli confermano anche che sarà un'ondata"quasi record" se confermata  nelle sue linee generali nei prismi giorni

Anzi, prendendo per "certe" le proiezione di ECMWF di martedì 20 febbraio, questa potrebbe l'ondata più intensa più dopo quella del 1985, non tanto per fenomeni previsti (piogge, neve), quanto piuttosto per quanto le temperature minime raggiunte.

Ecco, ad oggi, secondo le proiezioni del modello le europeo caratteristiche di tale ondata di freddo:

  • Durata presunta: da  domenica 25 febbraio a venerdì 2 marzo sul Nord Italia; dal 25 al 28 febbraio al Centro, il 26-27 al Sud e Isole;
  • Intensità del freddo: ECMWF prevede minime al suolo fino a 10-15°C sotto zero su molte regioni del Centronord. Saranno da mettere in conto probabilmente micidiali gelate.

Fig.3 - Temperature minime al  suolo previste alle ore 07.00 di mercoledì 27 febbraio (ECMWF)

  • nevicate

Anche nell'ipotersi che l'ondata di freddo si riveli poi nei prossimi giorni 4-5 gradi meno intensa di quanto previsto, sono da mettere in conto con elevata probabilità nevicate anche in pianura al Centronord, ove ogni regione potrebbe essere imbiancata dalla neve anche se, ad oggi,  le regioni più suscettibili di nevicate anche in pianura sarebbero le regioni di Nordest e centrali.

Il dove e il quanto delle nevicate in pianura dipenderà dalla genesi o meno di una depressione sui mari centro-settentrionali di Ponente, tra lunedì 26  e mercoledì 28 febbraio, in modo tale che poi questa sospinga correnti meridionali di aria umida al di sopra del cuscinetto di aria gelida (ma secca perché di natura di artica continentale).

Vi sono ad oggi i sintomi della formazione di una tale depressione? "ni"!

N.B.:

1. Ad oggi, una previsione sui fenomeni (soprattutto neve) per domenica 25 febbraio (tra 6 giorni) ha un'attendibilità del 75% circa mentre per giovedì 1 marzo (tra 10 giorni) scende ad una attendibilità del 65%. Quindi via via che ci si avvicina al periodo 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

21 APR
Si sta avvicinando una nuova perturbazione i cui effetti, nel corso del giorno, cominceranno a farsi sentire soprattutto sul versate occidentale del Paese
21 APR
Due impulsi perturbati condizioneranno il tempo in Emilia-Romagna tra mercoledì 21 e venerdì 23, in compenso però le temperature tenderanno a salire
20 APR
Vediamo insieme come si presenterà il tempo meteorologico nei prossimi giorni e fino al weekend
20 APR
Record a Londra, valori estivi su molti Stati europei
18 APR
Potrebbe darci una mano contro il Global Warming
17 APR
Esistono vari tipi di fulmini e la loro pericolosità può variare di molto, specie se si pensa che alcuni sono capaci di colpire anche laddove il tempo è bello