In pubblicazione il 25 GEN 2016

Freddo polare: arriva o non arriva?

La risposta è ancora nella stratosfera. Aggiornamento di oggi, lunedì 25


Fonte Immagine: NOAA

 

I modelli odierni confermano ancor oggi un forte spostamento (splitting)  entro il 3 febbraio del gelido vortice polare stratosferico verso l'Europa (fig.1), sotto la spinta dell'anticiclone canadese che  è in  procinto   di conquistare il Polo.

 E' confermato pertanto anche un forte riscaldamento della stratosfera al polo (  ad oggi + 35 gradi entro il 3 febbraio).

Alla date del 3 febbraio (ancora fig.1) il vortice polare avrà assunto una forma ellittica con due poli freddi, uno sul Sud della Norvegia  e un secondo nella Siberia orientale.


E dal nucleo freddo sulla Norvegia dovrebbe partire una irruzione di aria artica verso l'Europa continentale.

Quando potrebbe avvenire un simile evento?

 Ebbene le proiezioni a lunga scadenza dei due principali modelli (vedi fig.2) mostrano una brusco calo delle temperature intorno al 10 febbraio anche sull'Italia. Abbiamo scelto Venezia  come test perché se irruzione gelida vi sarà, questa arriverà ancora una volta dai Balcani



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

15 FEB
Alta pressione protagonista, aria molto mite sulle Alpi
14 FEB
L’evoluzione in quattro distinte fasi fino al 23 febbraio. Periodo poco dinamico
12 FEB
L’alta pressione guadagna ulteriore spazio sul Mediterraneo
15 FEB
Tendenza meteo fino metà mese, tra poco online
12 FEB
Danni pesantissimi nel Nord del Paese
12 FEB
Mareggiate lungo le coste esposte. Una nuova perturbazione proveniente dall’Europa nord-orientale, giungerà nella giornata di domani