In pubblicazione il 5 DIC 2018

Freddo polare tra l’11 e il 14 dicembre. Adesso evento molto credibile

Sciogliamo la prognosi perché I modelli hanno finalmente le idee chiare


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Nella passata settimana entrambi i modelli più esperti nelle previsioni a media scadenza (fino 10-15 gg), l’europeo ECMWF e l’americano GFS, vedevano l’arrivo di un’ondata di freddo invernale sull’Italia dopo il 10 dicembre. 

Previsioni dei modelli concordi ma ora anche affidabili

Ma la previsione “operativa “ o HRES, quella più precisa”, dei 2 modelli differiva molto dalle media di “ENSemble” delle altre 40-50 previsioni (seppure meno precise), per cui la previsione  in questione era ancora poco affidabile (non più del 15%), ovvero regnava molta incertezza sulla possibilità dell’evento, tanto che sull’argomento avevamo scritto un apposito articolo. 

Insomma i modelli non si decidevano a… sciogliere la prognosi.

Ebbene da lunedì 3 dicembre invece entrambi i modelli operativi hanno cominciato a dare come credibile l’arrivo di aria molto fredda con una affidabilità superiore al 70%.

E anche nella proiezione odierna, quella di mercoledì’ 5 dicembre, l’evento viene ancora confermato sia d ECMWF che da GFS.


Immagine: andamento della temperatura a 1500m nei prossimi 15 giorni da parte del modello GFS.

La figura sopra mostra infatti che la previene più precisa (in blu) è  ora in ottimo accordo con quella della madia delle 40 previsioni (in rosso) perché le due linnee sono quasi sovrapposte tra l’1 dicembre (inizio dell’ondata di freddo) e il 13 dicembre (fine dell’ondata di freddo).

Per di più anche le 40 previsioni sono tra loro molto d’accordo circa l’arrivo dell’ondata di freddo tra l’11  e il 14 dicembre perché lo sparpagliamento delle 40 previsioni intorno al loro valore medio è ora modesto (linea verticale grigia alquanto corta).

Neve anche in pianura?

Circa le caratteristiche di questa ondata di freddo scriveremo un altro articolo nelle giornata di oggi 5 dicembre. Tra l’altro esamineremo la probabilità di neve anche in pianura.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

21 MAG
Timida comparsa dell’anticiclone Nord africano al Nord
La fascia nuvolosa prossima all'equatore geografico evidenzia la posizione attuale dell'equatore virtuale
20 MAG
La causa nella anomala posizione dell’Anticiclone Nord africano 
19 MAG
Fenomeni più probabili al Centro Nord, qualche spazio sereno in più al Sud
Lingua di aria calda alla quota di 1500me di origine Nord africana il 29 maggio
19 MAG
Possibile un recupero termico entro la fine del mese con 2 incursioni dell’Africano?
21 MAG
Epicentro vicino a Barletta, magnitudo 3.9
20 MAG
20 e 29 Maggio, due forti scosse di terremoto mettono in ginocchio l'Emilia Romagna
18 MAG
Piogge su gran parte del Centronord
17 MAG
12°C a Catania e 60 mm di pioggia