In pubblicazione il 30 NOV 2015

La conferenza mondiale sul clima di Parigi

Iniziato oggi il più importante summit mondiale di sempre sul clima. Gli scopi, i dubbi…


Fonte Immagine: JuergenGER pixabay.com

 

Lo scopo

 1.Trovare un accordo  mondiale sulla riduzione  entro il 2020 elle emissioni globali  di CO2   onde fare sì che  il riscaldamento del pianeta non superi  2 °. Nello stesso tempo aiutare finanziariamente i paesi più poveri perché anche essi possano adeguarsi alle regole che il summit si darà. L'ONU afferma  che la conferenza dovrebbe poi tradursi in circa 21.000 tonnellate di CO2 equivalente in meno all'anno , più o meno come le emissioni annuali dell'Estonia.

Altri obiettivi

  • la Mission Innovation

Barack Obama lancerà la Mission Innovation, un'iniziativa con cui  20  Paesi - dagli Usa all'Arabia Saudita, dalla Cina alla Germania e all'Italia, più una ventina di grandi imprenditori guidati da Bill Gates - si impegneranno a raddoppiare i loro investimenti nella ricerca e nello sviluppo per contrastare i cambiamenti climatici nei prossimi cinque anni

  • Un aiuto anche alla pace nel mondo

La Conferenza aiuterà anche la pace nel mondo perché la crescita demografica insieme ai cambiamenti climatici, minacciano nel futuro  l'innesco di  guerre per l'accesso all'acqua e al cibo.

 

Quando e fino  aquando

Iniziato ieri, 30 novembre, a Parigi e durerà fino all'11 dicembre


I paesi partecipanti

 Saranno ben 195 i paesi partecipanti e di questi ben 138 parteciperanno all'apertura del summit con la presenza del proprio Presidente di Stato o premier  tra cui, oltre ovviamente al Presedente francese Holland, il presidente americano Barack Obama, il Presidente russo Putin, quello cinese Xi Jinping, il primo ministro indiano Narendra Modi, il primo  ministro del Regno Unito David Cameron,  la cancelliera tedesca Angela Merkel e anche il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker. I Capi di Stato saranno presenti per l'inizio del summit unico. Per l'Italia il premier Matteo Renzi

Quale differenza tra il summit del 2015 e  il Protocollo di Kyoto del 1997?

Il protocollo di Kyoto è stato l'unico tratto internazionale vincolante sul clima ma ad esso avevano aderito  solo i paesi sviluppati tra cui l'Unione europea, l'Australia e altri pochi paesi i quali si erano imposti l'obbligo di ridurre le emissioni entro il 2020. Quali sono influenzare gli attentati terroristici avevano?

Quali sono i Paesi che hanno già dichiarato di aderire all'obiettivo del summit ?

I due paesi che più emettono CO2, Cina e Stati Uniti, sono entrambi favorevoli all'obbiettivo di ridurre drasticamente le emissioni entro il 2020.  Risalta la posizione della Cina  quando nell'altro grande vertice sul clima del 2009 si era fermamente opposta ad una limitazione delle proprie. L'India, il terzo più grande emettitore di CO2,  sembra ancora poco intenzionata a limitare le proprie e emissioni. Altri 170 paesi hanno manifestato il proposito di ridurre le emissioni ma il taglio proposto non sarebbe ad oggi sufficiente per impedire che l'aumento di temperatura del pianeta superi la soglia di + 2 °C

Nella tabella: i paesi che più emettono CO2



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

l secondo freddo alle ore 22.00 del 19 novembre
18 NOV
Ecco dove e quando. Aggiornamento di sabato mattina
18 NOV
Un’area depressionaria, in arrivo sul Mediterraneo occidentale attiverà temporali e venti di burrasca in arrivo sulle regioni centro-meridionali
17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
18 NOV
Scossa di magnitudo 4.0 in una zona nota
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo