In pubblicazione il 8 NOV 2018

L'estate di San Martino: definiamola meglio "una pausa dal maltempo"

Normalmente divide la prima dalla seconda parte della stagione autunnale con un intermezzo mite, ma del freddo non vi è traccia

Mappa delle anomalie sull'Europa: situazione drammatica
Mappa delle anomalie sull'Europa: situazione drammatica
Fonte Immagine: WXCHARTS

 

La vasta area depressionaria sul Regno Unito subirà un ridimensionamento lasciando maggiore spazio all’anticiclone nord africano che guadagnerà terreno sulle nostre regioni centro meridionali. Le correnti umide sud occidentali che hanno condizionato il quadro meteorologico sull’Italia negli ultimi dieci giorni andranno ad affievolirsi, garantendo maggiori spazi sereni su parte della Penisola. 

Non mancheranno comunque precipitazioni sul Nord Ovest e sulla Toscana, alle prese con nuove infiltrazioni instabili, mentre sul resto d'Italia avremo qualche giorno nel complesso stabile con valori termici ben oltre la norma a causa dei costanti flussi meridionali.

Nel weekend inizieremo però ad avvertire i primi sintomi di un nuovo cambiamento, che verrà attivato da una perturbazione proveniente dai quadranti occidentali; niente paura perché le piogge non risulteranno abbondanti. Coinvolgeranno principalmente ancora il Nord Ovest, le aree tirreniche centro settentrionali e le due isole maggiori.


L’estate di San Martino

Analizzando le statistiche capita di sovente in questa fase della stagione di vivere alcuni giorni più stabili e soleggiati che vanno ad interrompe momentaneamente il cammino verso l'inverno. Un periodo comunemente chiamato “Estate di San Martino”, anche se in realtà quest'anno non abbiamo ancora avuto neanche un minimo accenno dei primi freddi che di norma anticipano l’inverno. Al più potremmo definirla una pausa dal maltempo che ha martoriato il territorio tra ottobre e novembre; una vera manna dal cielo che alleggerirà il lavoro delle tante persone coinvolte nella prima ricostruzione dopo le ultime alluvioni.

Qualche incertezza potrà verificarsi solo sulle aree nord occidentali, lambite da infiltrazioni d'aria umida da sud-ovest che produrranno altri rovesci o temporali a tratti insistenti sulla Liguria centro orientale. Locali e deboli precipitazioni interesseranno invece i rilievi nord orientali sull’alta Toscana.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

21 MAR
Temperature in netto aumento per l'estensione dell'Alta delle Azzorre sul Mediterraneo. Cambia a metà della prossima settimana
20 MAR
Mareggiate lungo le coste esposte. Avviso di condizioni meteo avverse del 20 marzo
20 MAR
Mite entro il weekend su quasi tutta la Penisola
19 MAR
L'alta pressione torna sulle regioni settentrionali. Siccità ancora molto elevata su Piemonte e Lombardia
20 MAR
Spunta il sole sull'Europa e la linea dell'ombra è bella dritta dal Polo all'Equatore: foto scattata dal satellite
20 MAR
Nel riminese migliaia di pesci morti
20 MAR
E' oggi il giorno dell'Equinozio