In pubblicazione il 22 GIU 2015

Luglio 2015: come sarà secondo la statistica climatica

La tendenza palesata negli anni '2000…


Fonte Immagine: NOAA

 

Un primo grossolano lume circa le caratteristiche climatiche che potrebbe avere il prossimo mese l di luglio viene dall'esame statistico dei mesi di luglio degli anni '2000 onde evidenziare eventuali tendenze  palesatesi appunto nel corso degli ultimi 15 anni.

Partiamo con l'esame delle corrente a 500 hPa (5500m ca  - fig.1 ) perché sono la struttura barica a 500 hPa è indicativa della traiettoria che in luglio seguono mediamente le perturbazioni atlantiche. Ebbene negli anni  '2000 vi è stato un calo dell'altitudine della 500 hPa, rispetto al trentennio 1970-1999,  su quasi tutto il Centronord ella penisola, indice dell'arrivo sulla penisola di un maggior numero di perturbazioni atlantiche. Tale evento però si è verificato solo 8 anni su 15  (2000, 2001, 2002, 2005, 2007, 2008,  2011, 2014), come dire che la probabilità di una simile anomalia è solo del 55%  circa, un valore basso, ma comunque significativo.  

Nella fig.2 è ripresentata l'anomalia di pressione atmosferica al livello mare nel periodo 2000-2014. Le anomalie negative (pressione inferiore alla media climatica) sono dovute appunto al passaggio dei cicloni atlantici e annesse perturbazioni.  Seguendo il corridoio ove la prensione è calata di più si riesce anche individuare  la traiettoria prevalente tenuta dalle perturbazioni atlantiche nei mesi di luglio anomali.

Ebbene le perturbazioni provengono in genere dal Medio Atlantico, ma deviate dall'anticiclone delle Azzorre vengono sospinte verso i Balcani ove poi sfociano sull'Adriatico con il loro carico di rai più fresca  e temporalesca.


Per quanto riguarda le temperature (fig. 3),  mediamente questo sono aumentate in luglio negli ultimi 15  anni però questo dovuto al fatto che le temperature osservati nei 7 mesi di luglio più caldi della media (2003, 2004, 2006, 2009, 2010, 2012, 2013) hanno sovrastato (fig.4) le temperature osservate negli  8  mesi di luglio più freschi della media (2000, 2001, 2002, 2005, 2007, 2008, 2011, 2014 ), anche perché le ondate di caldo in luglio sono diventate, nel frattempo,  più lunghe  e/o  più roventi.

Insomma, da un punto di vista meramente statistico,  vi sono il 50% di probabilità o poco meno che luglio sia più caldo e più temporalesco rispetto alle media climatica del periodo 1970-1999.

Accontentati…in pari misura "caldofili"  e"freddofili"!



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

21 AGO
Allerta arancione della Protezione Civile oggi e domani in Lombardia e allerta gialla su Piemonte, Toscana e Abruzzo
18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
20 AGO
Forti raffiche di vento, operazioni difficili
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola