In pubblicazione il 11 LUG 2018

Meteo: break estivo da domenica. Luglio ancora compromesso

La fiammata africana alle porte del weekend sarà breve. Nel fine settimana infiltrazioni dal nord Europa ripristineranno l'instabilità


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Step by step dei prossimi 10 giorni, le ultime novità meteo

Ancora per la giornata odierna le correnti instabili e più fresche interesseranno l’Italia settentrionale, ove avremo temporali sui rilievi alpini, prealpini ed appenninici, in possibile sconfinamento alle aree di pianura limitrofe. Non mancheranno forti colpi di vento, fenomeni intensi e locali grandinate, ma in un contesto generalmente estivo.

Come accennato anche in questo video, l’indebolimento del vortice presente oltre alpe garantirà una temporanea estensione dell’alta pressione africana su gran parte della Penisola, indicativamente tra il 12 ed il 15 luglio 2018, quando affronteremo una corposa fiammata. Le regioni più colpite risulteranno quelle centro-meridionali, direttamente investite dal flusso caldo, ove i termometri schizzeranno fino a 38°C lungo le valli e sulle aree interne, con punte di 40°C nelle piane lontane dal mare della Sardegna.

I modelli previsionali confermano però il break estivo che arriverà tra il 16 ed il 20 luglio. Particolarmente concorde con questa ipotesi l’elaborazione americana Gfs, che vede una cospicua area depressionaria carica d’aria fresca in discesa dai quadranti nord occidentali fin sull'Europa centro-meridionale.


L’alta pressione delle Azzorre, l’eterna assente sulle nostre latitudini, coglierà l’occasione per andare a coprire l’Europa settentrionale, già alle prese con una siccità preoccupante. 

Dopo il caldo, ancora temporali. Quando? Continua la lettura in questo articolo.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
17 NOV
Si prevedono forti nevicate su vaste aree del sud-est asiatico e parte dell'Europa orientale
17 NOV
Una colata fredda in discesa dall’Artico adeguerà l’assetto per le prime nevicate a quote basse
16 NOV
Piogge e rovesci anche intensi sul basso Adriatico e sulle aree ioniche. Generalmente discreto sulle restanti aree, clima più fresco
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo
17 NOV
Eravamo abituati a temperature troppo miti per il periodo