In pubblicazione il 10 AGO 2018

Meteo Ferragosto 2018: ecco dove passare la giornata evitando i temporali

Una flessione termica garantirà temperature nella norma, ma attenzione perché arriveranno fenomeni anche intensi

Temperature, precipitazioni, calo termico e temporali previsti per Ferragosto 2018
Temperature, precipitazioni, calo termico e temporali previsti per Ferragosto 2018
Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Come ricordato più volte nella settimana del Ferragosto 2018 si volterà pagina meteorologicamente parlando. Difatti la situazione sullo scacchiere europeo cambierà e si inizierà a guardare sui settori occidentali, verso la porta Atlantica, ove una serie di perturbazioni impatteranno sull'Europa occidentale.

Un cedimento generalizzato della pressione atmosferica permetterà maggiori infiltrazioni fresche verso l’Italia centro settentrionale che, nonostante si presenteranno affievolite in questa prima fase, attiveranno contrasti termici considerevoli.

Non mancheranno quindi locali intensi temporali a cui seguirà una generale flessione delle temperature, indicativamente nella giornata del 14 Agosto al Centro Nord, in estensione nel giorno successivo, quella del 15 agosto, verso il Sud Italia.

Il dettaglio per mercoledì 15 agosto 2018

Analizzando l’evoluzione sui modelli per il Ferragosto sono attese precipitazioni su gran parte dei settori centro meridionali appenninici, che non si limiteranno alla sola dorsale appenninica, ma raggiungeranno anche le aree interne di Toscana, Lazio, Umbria, Abruzzo, Campania, Basilicata e Calabria.

Su Toscana, Campania e Calabria le precipitazioni potrebbero estendersi facilmente anche sulle aree costiere durante le ore più calde del giorno.


Residue fenomeni interesseranno i rilievi più alti dell’arco alpino e le pianure interne dell’Emilia Romagna; meglio invece lungo i settori Adriatici, ove splenderà il sole per l’intera giornata con al più qualche innocuo passaggio nuvoloso.

Addensamenti ad evoluzione diurna fioriranno anche sui massicci centrali delle due Isole Maggiori, ma le coste non verranno particolarmente disturbate dalle nubi.

Temporali

Le aree più a rischi di fenomeni violenti saranno quelle Appenniniche centro meridionali, prestare particolare attenzione sulle zone della bassa Toscana, tra Lazio e Abruzzo e sulla Basilicata orientale, ove non sono esclusi forti colpi di vento e grandinate.

Temperature

Grazie ad un sostanziale ridimensionamento ed ai frequenti fenomeni in atto, le massime resteranno entro le medie del periodo e generalmente non oltre i 30 gradi al Centro Nord. Punte di 32-33°C potrebbero comunque registrarsi sulle aree sud occidentali della Toscana, zone interne del Lazio settentrionale, bacino ionico di Puglia, Basilicata, Calabria e settori meridionali della Sicilia.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

13 DIC
Ultime novità dai modelli. Prevista neve su Emilia Romagna, Veneto e Lombardia
13 DIC
Aria fredda sul centro nord in contrasto con quella umida in arrivo con le perturbazioni Atlantiche
12 DIC
Diverse perturbazioni atlantiche in vista. Arriveranno anche nevicate sino in pianura
12 DIC
Valori molto bassi anche sull'Appennino centrale
9 DIC
Netta differenza termica, ecco perchè
7 DIC
Le temperature massime registrate oggi nella nostra Penisola
7 DIC
In Emilia Romagna divieto ai veicoli diesel in tutte le città