In pubblicazione il 6 DIC 2018

Meteo: freddo dopo l'Immacolata per Santa Lucia. Ma quanto durerà?

Un nucleo molto freddo raggiungerà l'Europa centrale. Riuscirà a raggiungere anche l'Italia?


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Il flusso delle correnti nord atlantiche in discesa dalla Francia indebolirà definitivamente la vasta area anticiclonica. Il quadro meteorologico subirà quindi un deciso cambiamento, che aprirà la porta ad una serie di perturbazioni nord atlantiche e a nuclei più freddi. 
L'anticiclone arroccato sulle estreme occidentali mediterranee evolverà gradualmente più a nord, attivando un’ulteriore risposta dei flussi settentrionali.
Come accennato, un primo impulso perturbato attualmente addossato alle Alpi, scorrerà nelle prossime ore sulla Penisola; seguiranno altre perturbazioni che caratterizzeranno con vivace maltempo il fine settimana dell’Immacolata, anche se nella prima fase del cambiamento il freddo non si mostrerà ancora particolarmente pungente.
Le temperature subiranno comunque una prima flessione, anche se si presenteranno nel complesso miti - ma generalmente entro le medie del periodo - per i residui effetti delle correnti più calde lasciate in eredità dell’anticiclone subtropicale. 

Temperature in flessione e maltempo per l’Immacolata 

L’apice del peggioramento è atteso nelle prime ore della giornata di sabato, in quanto le correnti settentrionali diverranno via via più intense. L’alta pressione batterà in definitiva ritirata e l'Italia verrà coinvolta da una serie d'impulsi instabili sospinti da correnti nord-occidentali gradualmente più fredde.
La svolta dell’Immacolata traghetterà la Penisola verso una fase tipicamente invernale. Avremo per l’occasione piogge organizzate e nevicate sui rilievi alpini ed appenninici grazie alle masse d'aria più fredde.
La vera novità arriverà però nei primi giorni della nuova settimana, quando i modelli confermano una intensa irruzione d'aria artica. L'inizio della seconda decade di dicembre potrebbe quindi essere caratterizzata da giorni prettamente invernali, con possibili imbiancate a bassa quota o addirittura in pianura, soprattutto sulle regioni settentrionali.


Tendenza 

Una vasta irruzione d'aria artica agguanterà l'Europa e correnti gradualmente più rigide si infiltreranno sul Mediterraneo nella prima parte della nuova settimana. 
Dicembre cambierà quindi registro volgendo totalmente su note invernali. L’elevazione dell'alta pressione verso nord isolerà una cella anticiclonica sulla Scandinavia, garantendo colate fredde e successivi peggioramenti atlantici sul Mediterraneo centrale.
L’andamento meteorologico vedrà quindi un susseguirsi di perturbazioni nord atlantiche e irruzioni dal Nord Europa, che porteranno un po' di freddo e vivace maltempo innescato da una struttura depressionaria collocata sui bacini ad ovest del nostro Paese. 



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

16 DIC
Temporali in arrivo domani al Centro-Sud, in particolare sul basso Tirreno e sostenuta ventilazione in rinforzo
16 DIC
Le perturbazioni atlantiche si alterneranno all’anticiclone. Giornate a tratti soleggiate ma anche fenomeni abbondanti
16 DIC
Prime nevicate in pianura su Piemonte e Lombardia, trasferimento dei fenomeni sulle nord orientali e regioni centrali
14 DIC
Coinvolte anche le regioni occidentali. Fenomeno probabile su Piemonte, Lombardia, Emilia e Veneto
12 DIC
Valori molto bassi anche sull'Appennino centrale
9 DIC
Netta differenza termica, ecco perchè