In pubblicazione il 11 SET 2018

Meteo: giovedì cede l’alta pressione, maggiore variabilità sull’Italia

Novità, fenomeni anche al Sud, oltre che Alpi e settori Tirrenici; ancora sostanzialmente stabile sulle Adriatiche


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Bentrovati amici di meteoGiuliacci, siamo a voi con un aggiornamento per la giornata di giovedì, quando una parentesi dinamica più instabile raggiungerà la nostra Penisola. L’alta pressione difatti subirà un cedimento e verrà insidiata da correnti un po' più umile atlantiche che innescheranno qualche fenomeno sul Tirreno, Sardegna, Sicilia e parte delle regioni settentrionali.

Gli annuvolamenti transiteranno soprattutto al centro-nord, molte nubi in particolare sui settori occidentali e parte di quelli tirrenici, quadro compromesso anche sulle due Isole Maggiori; ampi spazi sereni con ancora tanto sole sulle meridionali lato adriatico.


Come ci conferma anche la nostra grafica brevi piovaschi e locali temporali arriveranno sulla Sardegna specialmente al mattino, in estensione a tutto il versante tirrenico e Sicilia. Fenomeni un po’ più consistenti interesseranno Calabria, Campania e le regioni settentrionali, soprattutto la fascia dell'area Alpina e l'estremo Nord Ovest; escluse dalle precipitazioni quasi tutte le aree della Val Padana, con al più nubi sterili di passaggio.

Temperature in diminuzione sul centro-nord, una diminuzione che potrebbe risultare sensibile rispetto al caldo di questi giorni.



Fonte Articolo: Andrea Tura

ULTIMI ARTICOLI

17 NOV
Allerta meteo arancione per temporali e vento forte sulla regione Calabria
17 NOV
Si prevedono forti nevicate su vaste aree del sud-est asiatico e parte dell'Europa orientale
17 NOV
Una colata fredda in discesa dall’Artico adeguerà l’assetto per le prime nevicate a quote basse
16 NOV
Piogge e rovesci anche intensi sul basso Adriatico e sulle aree ioniche. Generalmente discreto sulle restanti aree, clima più fresco
18 NOV
Atteso un picco di 120 centimetri
18 NOV
La città nuovamente colpita dal maltempo
17 NOV
Una perturbazione seguita da aria fredda è in evoluzione dall'Egeo verso ovest: oltre 100-150 mm di accumulo
17 NOV
Eravamo abituati a temperature troppo miti per il periodo