In pubblicazione il 7 DIC 2018

Neve anche in pianura. Aggiornamento del 7 dicembre

Ma limitate ad un’area molto ristretta

Temperature a 2m alle ore 01.00 del 14 dicembre
Temperature a 2m alle ore 01.00 del 14 dicembre
Fonte Immagine: weatheronline

 

L’aria fredda in arrivo sull’Italia tra l’11 e il 12 dicembre, sotto la spinta  venti settentrionali  in arrivo direttamente dal circolo polare, lasceranno tra i 13  e il 14 dicembre un cuscinetto di aria fredde in prossimità del al suolo su tutta la Val Padana.

Immagine di copertina: temperature a 2m alle ore 01.00 del 14 dicembre.

L’aria fredda stagnante al suolo sarà più intrappolata e rigida sul Piemonte ove, nella notte del 14 dicembre la quota neve sarà inferiore a 100 metri. Invece Quota oltre 200m sul resto della Val Padana.

Immagine: quota neve alla ore 01.00 del 14 dicembre in Val Padana occidentale.

Non sempre l’arrivo di aria molto fredda è sinonimo di neve anche in pianura

L’aria fredda in inverno da sola non può dare luogo a nevicate se non nel caso di snowblitz ovvero di un brusco sollevamento di aria tiepida e umida da parta di forti venti. 


Non sarà questo il nostro caso. 

Neve anche in pianura con la complicità di una perturbazione atlantica

Ma proprio nella notte del 14 dicembre una veloce perturbazione atlantica raggiungerà le regioni di Nordovest, sospinta da forti venti di Nordovest. Tali venti, essendo perpendicolari alla barriera alpina, genereranno, per un noto effetto orografico, un vortice di bassa pressione sul Mari Ligure (tipico “ciclone orografico sottovento”). Tale fugace ciclone sospingerà correnti tiepide e umide al di sopra del cuscinetto freddo presente su Piemonte 

Immagine: vortice di bassa pressione sul Mar Ligure nella notte del 14 dicembre

Per di più è previsto, ad oggi, che tali coerenti diano luogo a precipitazioni sul Nordovest del Piemonte (Torinese ,Biellese) e sulla Val d’Aosta. 

E quindi qui appunto che sono credibili le nevicate fino 100m nella notte del 14 dicembre.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

22 MAG
Insiste un po' di instabilità che nelle prossime ore favorirà ancora la formazione di improvvisi temporali in alcune zone d'Italia
21 MAG
Timida comparsa dell’anticiclone Nord africano al Nord
La fascia nuvolosa prossima all'equatore geografico evidenzia la posizione attuale dell'equatore virtuale
20 MAG
La causa nella anomala posizione dell’Anticiclone Nord africano 
23 MAG
Ancora molti temporali, anche di forte intensità
22 MAG
Sisma avvertito tra piacentino e parmense
22 MAG
Imponente frana a causa delle continue precipitazioni