In pubblicazione il 20 LUG 2015

Notti insonni per il caldo. Tutto quello che dovreste sapere

Ecco dove nella prossima notte il vostro sonno potrebbe compromesso dall'afa...


Fonte Immagine: L'insonnia, tacuinum sanitatis casanatensis (XIV secolo)

 

La temperatura ideale in camera  da letto dovrebbe essere sempre di alcuni gradi inferiore a quella delle altre stanze, quindi tra i 16 e i 18 gradi. Riguardo al clima del letto, le sudate notturne possono essere favorite da materiali troppo caldi o non traspiranti. I rivestimenti naturali, elementi TBS (TBS = Triple Body Support) nel nucleo del materasso e i materiali che regolano il clima possono aiutare.

Sono comunque molti che aborriscono  in estate il climatizzatore in camera da letto e quindi  si affidano di più alle fresche brezze, che, con le finestre semiaperte,  dovrebbero entrate nella stanza. Ma l’accorgimento è efficace se la temperatura dell’ambiente esterno  scende sotto 22-23 gradi e, nello stesso tempo, l’umidità dell’ara esterna è sotto il 60-70%  (condizioni che in estate sono normali in montagna).

Ma in giornate roventi come quelle di questi giorni, saranno invece molti coloro che, confidando solo nella  frescura notturna dell’ambiente esterno, dovranno fare in realtà i conti con un forte caldo afoso e conseguente fastidiosa sudorazione che inzuppa lenzuola e cuscino, rendendo la notte insonne.

 Infatti  nelle zone di pianura, specie nella pianura padano-veneta,  l’umidità notturna raggiunte in genere valori superiori a al 70%. Con tali valori di umidità e in assenza di fresche brezze notturne di terra e/o di monte – condizioni tipiche delle pianure lontane dalle montagna e dal mare, come, ad esempio la Val Padana -   potete essere certi che passerete notti insonni,  fradici di sudore, nel caso in cui la temperatura notturna dell’ambiente esterno superi certi valori che tra poco vedremo.


 Nella prima tabella allegata – nota come tabella di Scharlau, lo studioso che l’ha elaborata sulla base di sperimentazioni cliniche – sono appunto riportati i valori di umidità e di  temperatura  dell’aria al di sopra dei quali, in assenza di vento,  si avverte disagio da caldo afoso.

Siccome di notte, sono numerose in Italia le aree di  pianura ove non vi sono venti di brezza e ove  l’umidità è intorno al 70-80%,  allora per non avvertire caldo afoso notturno,  seconda tale tabella bisognerebbe  che l’aria esterna che entra nella vostra stanza abbia una temperatura inferiore almeno a 22 gradi.

Nella seconda tabella allegata appunto abbiamo riportati i capoluoghi di regione ove nella prossima notte le temperature notturne saranno superiori o uguali a 22 gradi e probabilmente senza brezze e quindi con probabile insonnia notturna da caldo afoso, in assenza di un climatizzatore. Val Padana ovviamente in …pole position!

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

9 DIC
Venti fino a 160-180 chilometri orari sulle montagne di Sardegna e Corsica. Attenzione anche al Val Padana
7 DIC
Dalla serata, una veloce depressione di origine atlantica porterà un peggioramento sulla Liguria e alta Toscana. Mareggiate lungo le coste esposte
7 DIC
Vorresti veramente sapere se sarà un bianco Natale? Purtroppo la scienza non ci permette di spingersi ancora oltre i 7-10 giorni di previsione
9 DIC
Netta differenza termica, ecco perchè
7 DIC
Le temperature massime registrate oggi nella nostra Penisola
7 DIC
In Emilia Romagna divieto ai veicoli diesel in tutte le città