In pubblicazione il 1 AGO 2015

Nuova ondata di caldo in arrivo nella prossima settimana

Ma con una inattesa novità: l'anticiclone nord africano cambia bersaglio


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

E' ancora cosa certa che nella settimana entrante il protagonista del tempo sull'Italia sarà ancora il rovente anticlone Nord africano.

Ma  con una  grande sorpresa.

Infetti,  mentre fino  a pochi giorni or sono sembrava che l'anticiclone volesse occupare  tutta la penisola, ma con massimi effetti al Centrosud, invece le più recenti proiezioni vedono un anticiclone Nord africano proteso verso le regioni centrosettentrionali mentre lascerà indenni le regioni meridionali (fig.1)

Anzi  le regioni meridionali godranno delle correnti più fresche sospinte dai Balcani verso il Meridione da un vortice di Bass pressione centrato sulla  Grecia(fig.2).


Le aree del Centronord ove la calura sarà più intensa saranno quelle riportate in figura 2 a tratteggio (Emilia, Romagna, Toscana, Umbria,  Lazio) perché nella parte anteriore  dell'asse di simmetria degli anticicloni, sono più intense le correnti discendenti (subsidenza,  le quali  viaggiando all'interno della colonna d''ara da pressioni più basse in quota  verso pressioni  più alte al livello del mare, subiscono una compressione e come tale si surriscaldano. Tale surriscaldamento si somma a quello portato dalla radiazione solare con la serenità de cielo.

Nella fig. 3 è riportata  la temperatura prevista  a 850 hPa mediata tra lunedì 3  e sabato 8 e che conferma che le temperature  al di sopra della media saranno presenti solo al Centronord.

Conclusione:

La settima dal 2 all'8 agosto sarà normalmente calda al Sud e  sulle Isole. Molto  calda invece al Centronord, con tempestare massime di 36-38 gradi su Emilia, Umbria, Interno della Toscana e  del Lazio. Temperature di 33-35 gradi in pianura su Piemonte e Lombarda e zone interne del Triveneto.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Radar meteo alle oltre 19.10 di domenica 21 ottobre (Protezione Civile)
22 OTT
I forti venti dovuti al passaggio di una dry line da Bora
22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
satellite alla ore 16.00 di  domenica 21 ottobre
21 OTT
Prudenza, soprattutto su regioni del medio Adriatico e al Sud
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica