In pubblicazione il 19 LUG 2015

Ondata di caldo sull'Italia: vi sono alcune novità!

Quasi certa la fine della calura sul Nord Italia intorno al 26 luglio. Ma sul resto d'Italia la calura, seppure attenuata, potrebbe seguitare fino fine mese


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Ad oggi diviene sempre più probabile che questa ondata di caldo possa risultare "record" per luglio  almeno per la sua presumibile durata (26 giorni)  e per la vastità dell'area interessata (tutta l'Italia). E' ancora presto per dire se risulterà record anche per l'intensità dei valori termici raggiunti.

Però rispetto alle proiezioni formulate nei giorni passati, oggi le proiezioni dei modelli correggono il tiro.

Infatti prevedono ancora la fine del'ondata di caldo sul Nord Italia tra il 25 e il 26 luglio per l'arrivo di aria fresca atlantica che però scatenerà uno sciame di temporali anche forti  e grandinigeni ( tra il 25 e il 26 ricordatevi di mettere al coperto la vostra auto!)

Però per il resto d'Italia è prevista una lenta attenuazione (ma non cessazione) del caldo tra il 26 e il 29.


Tutto questo si può arguire dalla figura allegata la quale riporta  la temperature alla quota barica di 850 hPa  prevista nei prossimi 10 giorni a Milano, Roma, Palermo, Cagliari.

Ricordiamo che a temperature a 850 superiori a 15 gradi corrispondono  al livello del mare temperature massime superiori a 30 gradi e che a temperature superiori a 20 gradi a 850 hPa corrispondono al livello del mare temperature superiori a 35 gradi.

Dalla figura si arguisce che l'apice della calura dovrebbe cadere  dal 21 al 24 luglio circa al Centronord e dal 21 al 27 al Sud e sulle Isole

Tabella : temperatura prevista alla quota barica di 850 hPa (1500m) nei prossimi 10 giorni a Milano, Roma, Palermo e Cagliari. Serie 1 = Milano; serie 2 = Roma; serie 3 = Palermo; serie 4 = Cagliari.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

17 GEN
Diverse saccature fredde raggiungeranno il Mediterraneo. Ci aspetta un periodo molto dinamico
16 GEN
Correnti Atlantiche tornano progressivamente a fluire sul Mediterraneo