In pubblicazione il 6 DIC 2015

Piogge e neve si allontanano

Le ultime proiezioni dei modelli sembrano allontanare pioggia e neve che probabilmente non arriveranno prima della metà del mese


Fonte Immagine: INSTAGRAN/photojourney_

 

La perturbazione destinata a rompere il muro dell’alta pressione sembra voler ritardare ulteriormente il suo arrivo: rispetto a quanto prospettato ieri le ultime proiezioni dei modelli infatti spostano il cambiamento del tempo più in là nel tempo, e lo scenario più probabile attualmente è quello che vede il ritorno della pioggia sull’Italia tra lunedì 14 e martedì 15 dicembre.

Se dovesse realizzarsi la situazione oggi descritta dai modelli il peggioramento previsto per metà mese non sarebbe comunque intenso, e il maltempo avrebbe un sapore più autunnale che invernale: insomma, tornerebbe la pioggia su molte regioni, ma le temperature non subirebbero un deciso calo e la neve cadrebbe solo in montagna e neppure a quote particolarmente basse.


In ogni caso si tratta di proiezioni a lungo periodo, la cui affidabilità è ancora modesta: solo nei prossimi giorni, nel caso in cui i modelli dovessero confermare l’arrivo di questa perturbazione, sarà possibile definire con maggior sicurezza l’evoluzione di tale peggioramento del tempo.  



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Mercoledì 24: forti correnti settentrionali in quota sul versante Nord alpino; alta pressione sopravvento e bassa sottovento alle Alpi; forti venti da Nord ovest al suolo
23 OTT
Un effetto dell’arrivo di un nuovo nucleo freddo a ridosso delle Alpi
23 OTT
Ancora elevata criticità sui versanti settentrionali della #Calabria Ionica e della #Sicilia tirrenica
22 OTT
Diverse parentesi di maltempo in vista, ma non mancheranno anche momenti più stabili con spazi sereni
Radar meteo alle oltre 19.10 di domenica 21 ottobre (Protezione Civile)
22 OTT
I forti venti dovuti al passaggio di una dry line da Bora
22 OTT
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica