In pubblicazione il 25 GIU 2015

A proposito dell'ondata di caldo in arrivo a fine giugno

Una rigorosa definizione di "ondata di caldo"...


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

In prima approssimazione potremmo dare una riposta di tipo qualitativo, legata alle nostre comuni sensazioni del tipo: "un’ondata di caldo estivo è un periodo più o meno lungo con temperature abbastanza elevate su un’area geografica abbastanza vasta"

 Ma termini generici come “più o meno lungo”, “abbastanza elevate” e “abbastanza vasta” lasciano aperta la porta ad interpretazioni arbitrarie e non univoche.

Insomma è ovvio che nella definizione occorre sostituire aggettivi e avverbi con dei numeri ovvero occorre una definizione di tipo quantitativo.

 Ed ecco allora una definizione più rigorosa per le ondate di caldo estivo sulla nostra penisola:

Un’ondata di caldo, ad esempio in luglio, è una situazione con temperature in media (media effettuata sull’area di interesse) superiori a 33 gradi, su un’area che abbracci almeno il 30% della penisola (Nord e/o Centro e/o il Sud) e con durata superiore a 3 giorni.

Perché per luglio è stata scelta la soglia termica di 33 gradi?

Ma perché in luglio la media delle temperature massime giornaliere degli ultimi 20 anni è intorno 29 gradi con una variabilità intorno al valore medio (deviazione standard σ) pari a circa 2 gradi. Questo comporta, secondo la legge probabilistica gaussiana, che in luglio la probabilità di superare di 2σ  (ovvero di 4 gradi) il valore medio di 29 gradi - come dire la  probabilità di superare i 33 gradi - è del 4.5 %  circa, ovvero un evento poco frequente;

Per di più la soglia termica di 32.-33 gradi viene indicata dalla Medicina come quella al di sopra della quale il nostro organismo, oltre ad avvertire disagio psico-fisico, tende a scatenare o aggravare alcuni comuni disturbi (ipotensione, tachicardia, insufficienza cardiaca, inappetenza,  affaticamento, irritabilità, riduzione delle performances mentali);


Perché poi l’ondata di caldo dovrebbe, nello stesso tempo, interessare almeno il 30% della penisola, per essere definita tale?

Ma perché se venissero, ad esempio, superati i 33 gradi ad esempio solo a Firenze o solo in Toscana, non potremmo parlare di ondata di caldo vera e propria, vista la modesta area  interessata;

Ed infine, perché l’ondata di caldo,  per essere tale, deve durare più di 3 giorni?

Ma per una evidenza di tipo medico. Infatti il disagio psico-fisico da caldo tende a divenire insopportabile - e spesso nocivo per la salute (specie nelle persone anziane) - quando la la calura dura appunto più di 3 giorni.

 

©Mario Giuliacci

 

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

18 AGO
Nei prossimi giorni caldo in aumento a causa dell'alta pressione dell'Anticiclone Nord Africano, che insisterà soprattutto al Centro e al Sud
17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
19 AGO
Clamoroso  insuccesso dei Climatologi
Science
19 AGO
Clamoroso  insuccesso del Climatologi
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola