In pubblicazione il 22 AGO 2017

Sta per tornare il caldo intenso

Nei prossimi giorni l’alta pressione occuperà con insistenza l’Italia e spingerà in alto le temperature, con apice del caldo nel fine settimana


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Un po’ di tregua, e già il gran caldo bussa nuovamente alle nostre porte: nei prossimi giorni l’alta pressione tornerà a occupare in modo prepotente l’Italia e, soprattutto tra giovedì e venerdì, riprenderà a spingere verso il nostro territorio delle correnti molto calde e cariche di umidità provenienti dal versante meridionale del Mediterraneo.


Il caldo si farà sentire, intenso, soprattutto nel fine settimana, quando le temperature massime oltrepasseranno quasi dappertutto i 30 gradi, con diverse punte di 36-37 gradi, specie in Emilia, nelle zone interne del Centro e in Sardegna. Insomma, non sarà un’ondata  eccezionale come quella di inizio mese, ma comunque ci sarà da sudare, e tra le città che soffriranno maggiormente il caldo afoso quindi ci saranno anche Bologna, Firenze, Perugia, Sassari e Alghero.


Quanto durerà questa nuova fiammata di caldo intenso? Benché i principali modelli fisico-matematici non concordino del tutto, è molto probabile che tra martedì e mercoledì della prossima settimana gran parte dell’Italia vada incontro a un sensibile calo termico, con le temperature che quasi tutte le principali località dovrebbero tornare su valori vicini alle medie stagionali.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

16 GEN
Secondo le proiezioni del 14/15 gennaio neve certa, ma per quelle odierne neve quasi no
16 GEN
Italia a metà strada tra due lobi opposti. Ecco le sorti a breve.
15 GEN
Italia nel mezzo di...due lobi opposti! Vediamo quando e che effetti avrà su di noi.
15 GEN
Le proiezioni a lungo termine suggeriscono la data per il possibile ritorno della neve sulle regioni settentrionali
19 DIC
Quante volte nel passato
18 DIC
Da dove deriva questo noto detto
18 DIC
Forte scossa di terremoto avvertita nella tarda mattina di oggi in Lombardia, con epicentro nella Bergamasca
13 DIC
Autentica devastazione. Una giornata terribile.