In pubblicazione il 13 MAR 2018

Un giovedì a rischio grandine e nubifragi

L'intensa perturbazione che giovedì raggiungerà l'Italia porterà sul nostro Paese molte piogge e fenomeni atmosferici a tratti violenti


Fonte Immagine: Pixabay

 

Dopo un paio di giornate di relativa tregua già giovedì il tempo tornerà a peggiorare in modo marcato, con un'intensa perturbazione atlantica che renderà necessario l'ombrello in una grossa fetta del nostro Paese. le piogge infatti bagneranno gran parte del Centronord, la Campania e la Sardegna, e in alcune regioni è alto il rischio di fenomeni atmosferici violenti, con la possibilità di grandinate, veri e propri nubifragi e addirittura trombe d'aria. Le regioni che rischiano maggiormente sul fronte del maltempo sono Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino, Friuli e Toscana, ma anche nelle aree limitrofe non si può escludere del tutto la possibilità di fenomeni violenti. Tra le città in cui la pioggia cadrà più intensa e insistente ci sono quindi anche Milano, Genova, Venezia e Firenze.


Il quadro della forte ondata di maltempo verrà completato dal vento e dalla neve. Sarà infatti una giornata decisamente ventosa, specie al Centrosud, con raffiche di vento anche oltre i 50 km/h. E la neve cadrà abbondante su tutto l'Arco Alpino, anche a quote relativamente basse per la stagione, spingendosi fino ai 700-800 metri in Piemonte e Valle d'Aosta, sui 1000-1200 metri nelle altre regioni. A favorire il ritorno della neve al di sotto dei 1000 metri saranno le correnti fredde che accompagnano la perturbazione: irromependo sulla nostra Penisola infatti favoriranno un brusco calo delle temperature che però coinvolgerà prevalentemente le regioni settentrionali, risparmiando invece il resto del Paese.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

10 DIC
Evento molto credibile, oggi i modelli - americano ed europeo - sono allineati sulle medesima tendenza
9 DIC
Venti fino a 160-180 chilometri orari sulle montagne di Sardegna e Corsica. Attenzione anche al Val Padana
7 DIC
Dalla serata, una veloce depressione di origine atlantica porterà un peggioramento sulla Liguria e alta Toscana. Mareggiate lungo le coste esposte
9 DIC
Netta differenza termica, ecco perchè
7 DIC
Le temperature massime registrate oggi nella nostra Penisola
7 DIC
In Emilia Romagna divieto ai veicoli diesel in tutte le città