In pubblicazione il 8 MAR 2018

Pericolo valanghe ancora alto su diversi settori, ecco quali

Rialzo termico e vento i pericoli maggiori dell'instabilità del manto nevoso


Fonte Immagine: web

 


Continua a rimanere alta l'attenzione sul pericolo valanghe a causa degli accumuli generosi che sono resi instabili da vento, rialzi termici e piogge dei giorni scorsi. Il pericolo rimane "marcato", ovvero grado di pericolosità 3 su una scala di 5, su tutta la Valle D'Aosta, tutto il Piemonte, in Liguria sulle Alpi Marittime, in Toscana sull'Appennino toscano, su tutta l'Emilia Romagna, Appennino settentrionale - Terminillo e Appennino centro Meirdionale tra Marche, Umbria, Lazio ed Abruzzo. Il pericolo varia da 2 (moderato) e 3 (marcato) in Liguria sull'Appennino ligure, Alpi Retiche ed Orobiche in Lombardia. Dati Meteomont.


Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

23 MAR
Aria fredda in discesa dalla Scandinavia entra nel Mediterraneo dai Balcani
23 MAR
Temperature in sensibile aumento con punte di 24°C: ottimo clima per le classiche gite domenicali
22 MAR
Grave crisi idrica su Piemonte, la Lombardia, il ponente ligure e la Toscana. Qualche dato statistico
21 MAR
L'area depressionaria afromediterranea continuerà a portare instabilità sui settori meridionali
23 MAR
Raffiche a 250 km/h ed onde alte 13 metri!
20 MAR
Spunta il sole sull'Europa e la linea dell'ombra è bella dritta dal Polo all'Equatore: foto scattata dal satellite
20 MAR
Nel riminese migliaia di pesci morti