In pubblicazione il 8 MAR 2018

Pericolo valanghe ancora alto su diversi settori, ecco quali

Rialzo termico e vento i pericoli maggiori dell'instabilità del manto nevoso


Fonte Immagine: web

 


Continua a rimanere alta l'attenzione sul pericolo valanghe a causa degli accumuli generosi che sono resi instabili da vento, rialzi termici e piogge dei giorni scorsi. Il pericolo rimane "marcato", ovvero grado di pericolosità 3 su una scala di 5, su tutta la Valle D'Aosta, tutto il Piemonte, in Liguria sulle Alpi Marittime, in Toscana sull'Appennino toscano, su tutta l'Emilia Romagna, Appennino settentrionale - Terminillo e Appennino centro Meirdionale tra Marche, Umbria, Lazio ed Abruzzo. Il pericolo varia da 2 (moderato) e 3 (marcato) in Liguria sull'Appennino ligure, Alpi Retiche ed Orobiche in Lombardia. Dati Meteomont.


Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

11 DIC
Crollo delle temperature anche di 10 gradi nei valori massimi e temperature sotto zero in quelle minime
10 DIC
Evento molto credibile, oggi i modelli - americano ed europeo - sono allineati sulle medesima tendenza
9 DIC
Venti fino a 160-180 chilometri orari sulle montagne di Sardegna e Corsica. Attenzione anche al Val Padana
9 DIC
Netta differenza termica, ecco perchè
7 DIC
Le temperature massime registrate oggi nella nostra Penisola
7 DIC
In Emilia Romagna divieto ai veicoli diesel in tutte le città