News

 

Sardegna

In Sardegna la siccità ha riportato alla luce dei tesori nascosti

Il lungo e severo periodo di siccità che ha colpito il nostro Paese si è fatto sentire pesantemente anche in Sardegna, dove però, come testimoniato dalle bellissime immagini raccolte da Corrado Mascia, i tanti disagi dovuti al periodo estremamente asciutto sono almeno stati "addolciti" dalla riscoperta di un vero e proprio tesoro nascosto. A fine agosto in zona Tratalias (Carbonia Iglesias), dove si trova l'invaso di Monte Pranu, il grave deficit idrico ha fatto abbassare drasticamente il livello delle acque facendo riaffiorare i tesori custoditi nei fondali, e primo tra tutti i resti del Nuraghe Bastuppa.


A inizio settimana i cieli della Penisola si sono impreziositi di una bellissima eclissi parziale di Luna

Nel bellissimo video di Corrado Mascia la spettacolare eclissi parziale di Luna ossevata la sera di lunedì 7 agosto da Porto Giunco, in Sardegna.


L'alta pressione dominerà la scena meteo sull'Italia, garantendo così prevalenza di tempo bello

La situazione meteo nel fine settimana sarà dominata dalla presenza dell'alta pressione di matrice africana, stabilmente posizionata a occupare il Mediterraneo Occidentale e in tal modo capace di interessare parzialmente anche la nostra Penisola. Grazie a ciò ci attendono due giornate, sabato e domenica, in cui splenderà il sole in gran parte d'Italia, fatta eccezione per la formazione di isoalti temporali pomeridiani su Alpi e Apennino: insomma, un po' di instabilità pomeridiana che comunque non guasterà più di tanto il tempo neppure nelle zone montuose.

Il bel tempo sarà accompagnato da temperature tipiche di inizio estate, quasi dappertutto leggermente al di sopra delle medie stagionali, con valori che nelle ore cetrali del giorno in diverse località raggiungeranno anche i 30 gradi. Si farà sentire quindi un po' di caldo, decisamente gradevole per chi sceglierà di passare il fine settimana fuori città, in riva al mare a passeggio sui sentieri di montagna, ma non eccessivo neanche per coloro che rimarranno in città. I picchi più elevati di temperatura si raggiungeranno al Nord, nedio versante tirrenico e Isole, cioè in quelle aree maggiormente esposte all'azione dell'alta pressione.

In base alle proiezioni attuali la situazione non cambierà di molto neanche agli inizi della prossima settimana, e ciò significa che il mese di maggio dovrebbe chiudersi ancora in compagnia del sole in gran parte d'Italia e con temperature sempre al di sopra delle medie stagionali, e il caldo in alcune zone (specie in Sardegna) potrebbe farsi anche piuttosto intenso, con picchi a sfiorare i 35 gradi.


Le gelide correnti artiche continueranno a spingere neve e venti forti anche sulla Sardegna, dove il freddo rimarrà intenso

Fino alla prima metà di domani, giovedì, la forte ondata di maltempo invernale continuerà a flagellare anche la Sardegna. Nell’isola quindi condizioni meteo ancora caratterizzate da freddo intenso, vento forte  e neve, che imbiancherà ampie fette dell’interno.

In particolare oggi pomeriggio la neve cadrà anche abbondante al di sopra dei 500-700 metri, e solo in serata l’intensità delle nevicate si attenuerà un po’. La neve però, per quanto più debole, continuerà a scendere anche nel corso della notte.

Domani mattina la Sardegna si sveglierà sotto nuove nevicate, in generale deboli o al più moderate, che imbiancheranno l’entroterra al di sopra di 600-800 metri. Poi nel pomeriggio i fenomeni si esauriranno e finalmente le condizioni meteo miglioreranno.


A metà settimana nuovo aumento delle temperature, con valori elevati in alcune regioni del Sud

L'estate oramai è qua e, pur senza mostrare nulla di ececzionale, ci regalerà sole e caldo anche nei prossimi giorni. In particolare in molte zone dle Paese le temperature torneranno ad aumentare già nei prossimi giorni e nella seconda parte della settimana la calura si farà di nuovo piuttosto intensa nelle regioni meridionali e in Sardegna. In particolare tra giovedì e venerdì in gran parte del Centrosud e Isole le temperature massime saranno in generale comprese tra 28 e 34 gradi, ma in alcune regioni non mancheranno le punte fino a 35 e oltre. Quali le regioni in cui farà più caldo? Soprattutto quelle evidenziate in rosso: quindi caldo intenso, con temperature anche fino a 37-38 gradi, in Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna, ma non si possono escludere picchi simili neppure nelle zone interne di Campania e Lazio.

 


Temperature in crescita in tutta Italia con valori, in questa parte centrale della settimana, di alcuni gradi oltre la norma

Adesso la primavera fa sul serio, e prova la prima fuga (per quanto timida) verso l'estate! Tra oggi e venerdì infatti in gran parte d'Italia, e in particolare al Centrosud e Isole, le temperature faranno registrare valori di alcuni gradi al di sopra della norma, e addirittura in Calabria, Sicilia e Sardegna non si possono escludere punte a sfiorare i 30 gradi!
Insomma, al Centrosud ci attendono i primi assaggi di caldo "quasi estivo": tra i capoluoghi più caldi spiccheranno quindi Reggio Calabria, Palermo, Catania e Cagliari. Al Nord invece le temperature rimarranno più contenute, ma in ogni caso dal profumo tipicamente primaverile.


La bellissima fioccata su Cagliari di un anno fa

Mancavano pochi minuti allo scoccare del 2015 quando Cagliari venne interessata da una breve ma bellissima nevicata. I fiocchi mancavano dal 2010 ma una nevicata con un accumulo modesto manca dal 1993. Fu comunque un bellissimo finale d'anno per Cagliari


Pioggia incessante, caduto un ponte

Il rio Siligheddu, ad Olbia, ha esondato in più punti allagando già diversi quartieri della città. E lo spettro dell'alluvione 2013 che provoco' anche vittime è tornato. Scuole chiuse in mezza regione. Esondato anche il rio San Giovanni tra Olbia ed Arzachena, un altra zona gravemente colpita due anni fa. E continua a piovere

L'immagine a lato è stata scattata ad Olbia, fonte Sardegna Live


Caldo all'apice sul Centronord della penisola

Tra oggi e sabato le temperature massime raggiungeranno l'apice sul Centronord d'Italia ove le temperature massime supereranno i 34 gradi almeno sul 70% circa delle città di pianura con molte punte di 36-39 gradi nelle zone più interne. Le regioni più roventi saranno, l'Emilia, il Basso Veneto, l'Umbria, il Salento, le zone interne della Toscana, del Lazio e della Sardegna.

Caldo normale invece sulle regioni meridionali ove però vi saranno temporali per lo più pomeridiani su Campania, Calabria, Lucania, Calabria con qualche sconfinamento anche sulle coste tirreniche.

Fig. 1 - Nuvolosità e piogge in 1 ora alle ore 14.00

Fig.2 - temporali previsti tra le ore  11 e le 14

Fig.3 - temporali previsti tra le 14 e le 20

Fig4 - temporali previsti tra le 20 e le 23

Fig.5 - Temperature previste alle ore 16.00 


Caldo in aumento. Qualche temporale pomeridiano sui rilievi calabro-lucani, est della Sicilia, Alpi occidentali e Val d'Aosta

L'anticiclone Nord africano raggiunge la massima intensità sulle regioni centro-settentrionali  e sulla Sardegna ove pertanto saranno molte le città di pianura delle zone interne che supereranno i 34 gradi. Caldo normale invece sul Meridione. Emilia, Umbria, interno della Toscana, del Lazio e della Sardegna le aree più roventi.

Fig.1 - Nubi e piogge in 1 ora alle ore 14.00

Fig.2 - Piogge  previste tra le 11.00 e le 14.00

Fig.3 - piogge tra le 14.00 e le 20.00

Fig.4 - piogge tra le 20.00 e le 23.00

Fig.5 - temperature previste per le ore 16.00. Rosso = oltre 30 gradi; rosso scuro = oltre 35 gradi

 

 


Pagine