In pubblicazione il 24 NOV 2020

La nevicata del 24 Novembre 2008 sulle pianure del Triveneto

Neve da Padova a Trento, fino a Udine


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Era la mattina del 24 novembre 2008 quando una perturbazione raggiunse il Nord Est: la perturbazione fu talmente rapida che le correnti da Sud Ovest non ebbero il tempo di scalzare la massa d'aria fredda presente sulle regioni nord orientali. Erano le condizioni perfette per la neve fino a quote pianeggianti. 

Ed' è proprio sulla pianura veneta, sulla parte meridionale della Val d'Adige e sul Friuli che si registrarono nevicate di una certa consistenza con accumuli tra i 2 e i 12 cm.




Foto Altogarda meteo
 


Mentre la pioggia prevaleva su Bologna e sulla Romagna, nevicava a tratti tra Parma e Modena, nevicate più importanti invece in Appennino. Neve a larghe falde invece cadeva su Padova, Udine, Pordenone ma soprattutto a Rovereto e Trento.

A fine evento nelle vallate trentine, in Valbelluna e nelle zone collinari dell'Alto Vicentino, gli accumuli al suolo superavano i 10cm con punte vicine a 20cm ai piedi del Pasubio. Sulle Prealpi le temperature ben inferiori allo zero consentirono accumuli molto consistenti (20-30cm), mentre nelle zone dolomitiche settentrionali le precipitazioni risultarono invece modeste. Nella fascia pedemontana e collinare a nord di Udine si depositarono fino a 10-15cm in poche ore, nella zona di Udine circa 5cm, mentre gli accumuli risultarono scarsi nel Pordenonese. Nel Tarvisiano invece la nevicata fu intensa con accumuli al suolo di 30-40cm.



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

21 GEN
La tradizione quest'anno non verrà probabilmente rispettata, ma interessanti novità in vista
21 GEN
In arrivo un altro carico di piogge, possibili fenomeni di forte intensità nella giornata di domenica.
21 GEN
Due diverse perturbazioni porteranno maltempo diffuso, senza però scatenare freddo intenso
21 GEN
Piogge e rovesci diffusi, venti di burrasca e neve sui rilievi a quote alte
21 GEN
Le temperature medie planetarie continuano a salire e anche il 2020 ha stabilito numerosi record in diverse regioni del Mondo, compresa l'Europa
20 GEN
Una disciplina particolare, che tenta di ricostruire il passaggio di violente tempeste formatesi in tempi lontani
19 GEN
Ma poi il gelido vortice polare diserterà l’Europa almeno per 10-15 giorn