In pubblicazione il 11 MAG 2022

NEVE: la NEVOSITÀ MEDIA in VALPADANA negli ANNI ‘90

Dopo aver analizzato la nevosità media in Val Padana per il decennio più recente e per i primi dieci anni del 2000, andiamo oggi ad analizzare quanta neve è caduta mediamente nell’ultimo decennio del secolo scorso in questa macroarea del paese


Fonte Immagine: Depositphotos

Che cos’è la nevosità media

La nevosità media è un interessante parametro climatico molto facile da calcolare: basta sommare gli accumuli nevosi totali stagionali di un certo numero di stagioni Invernali (consecutive) e dividerlo per il numero totale di anni preso in considerazione. Facciamo un esempio: in una data località, in tre inverni successivi la neve totale caduta è, rispettivamente, pari a 67 cm, 34 cm, 26 cm. Come si fa a calcolare la media nivometrica di questi 3 anni presi in considerazione? Basta sommare i tre dati e dividerli per il numero di anni considerato, ovvero tre:


67 + 34 + 26 = 127

127/3 = 42.3 cm

Il risultato ottenuto è quindi di circa 42 cm. 

Andiamo ora a scoprire i dati della nevosità media in Pianura Padana e zone limitrofe dalla stagione Invernale 2000/2001 alla 2009/2010 (ogni stagione Invernale è identificata da 2 anni diversi perché comprende gli ultimi mesi di un certo anno e i primi di quello successivo, ovvero i mesi in cui cade solitamente la neve).


La nevosità media in Valpadana negli anni ‘90

Per scoprire in modo generale a quanto ammontano le medie nivometriche degli anni ‘90 del 1900 in PP (Pianura Padano-Veneta) ci avvaliamo della seguente mappa a cura di Marco Pifferetti, che ringraziamo:

Partendo dalle zone che hanno visto gli accumuli minori, citiamo senz’altro la zona del Delta del Po e quella a Est della linea Venezia-Bassano del Grappa, dove sono caduti mediamente addirittura meno di 5 cm. Procedendo, tra i 5 e i 10 cm sono stati accumulati nella maggior parte del restante Veneto, nei dintorni del Lago di Garda e nelle zone più vicine al mare delle province di Ferrara e Ravenna.

Di seguito, notiamo un accumulo medio tra i 10 e i 20 cm nella maggior parte di tutta la pianura restante, da Rimini a Torino. 

Più neve, mediamente tra i 20 e 30 cm, è caduta poi nelle fasce di alta pianura/pedecollina dell’Emilia-Romagna a Ovest di Imola, nelle zone a media-bassa quota del Piemonte incluso il Monferrato e in tutte le località più vicine alle Prealpi tra Piemonte e Lombardia Occidentale, a Ovest di Bergamo.

Infine, sopra ai 30 cm medi decennali sono stati accumulati dalle quote medio-basse in su in Piemonte e in Emilia-Romagna.

Sperando che l'articolo vi sia piaciuto, auguriamo buona giornata a tutti voi da Meteo Giuliacci e staff! Per domande e curiosità, non esitate a contattarci sulle nostre pagine Facebook, Instagram, Tik Tok e/o nei commenti!

 

 

Fonte Immagine: Depositphotos 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

29 NOV
L'ennesima intensa perturbazione raggiungerà l'Italia e porterà diffuso maltempo
28 NOV
Attenzione in particolare ad alcune regioni: ecco quali!
27 NOV
La previsione per i prossimi giorni vede il passaggio di un'altra perturbazione capace di portare nevicate sull'Arco Alpino
27 NOV
Analizziamo insieme come si presenterà il tempo sulla nostra nazione per i prossimi 7 giorni
29 NOV
Era possibile prevedere il disastro? Oppure, oltre al lato meteorologico, ci sono altre colpe?
26 NOV
Importante frana a Ischia: apprensione in queste ore per salvare vite umane e per quantificare i danni
22 NOV
Segnalati piogge torrenziali, nubifragi, venti da tempesta, acqua alta
9 NOV
Uno dei più forti terremoti delli ultimi anni in Italia