In pubblicazione il 4 MAG 2019

Ondata di freddo in Emilia Romagna, abbondanti nevicate fino a quote molto basse

Evento eccezionale per il periodo, la neve potrebbe cadere fino alla bassa collina


Fonte Immagine: web

 

Una forte ondata di maltempo colpirà l'Emilia Romagna nella giornata di domenica 5 Mgagio. Parlare di evento eccezionale in questo caso non è certamente azzardato: valori termici ad 850 hPa fino a -3/-4°C ad inizio Maggio sono davvero inusuali.

L’aria fredda inizierà ad affluire sul Nord Italia tra la tarda serata di sabato e la notte e si manifesterà con la formazione di temporali, anche forti, che da Veneto e Lombardia tenderanno ad interessare le basse pianure dell’Emilia. Nella notte su domenica, quindi, non sono da escludere temporali, colpi di vento ed anche grandinate. La giornata di domenica inizierà con cieli grigi e piogge diffuse sull’Emilia, forse qualche timida schiarita su Romagna meridionale.

Le precipitazioni risulteranno battenti sull’Emilia centrale specialmente tra reggiano, modenese e bolognese, peggiora poi su Romagna. L’ingresso dell’aria fredda determinerà un veloce crollo della quota neve: nevicerà per tutto il giorno sull’Appennino emiliano centrale fin sui 1000 metri nella notte ma durante la mattinata l’intensità delle precipitazioni e l’aria fredda porteranno ben presto la neve fin sui 500 metri.

Ma fate attenzione: proprio l’intensità delle precipitazioni potrebbe regalare sorprese. Con forti precipitazioni la neve potrebbe spingersi a quote bassisime e sfiorare anche la pianura! Si, non è un azzardo pensare che momentaneamente la neve possa spingersi ad imbiancare le colline di reggiano, modenese e bolognese fin sui 300 metri con la comparsa dei fiocchi tra la pioggia quasi fino alle aree pedecollinari. Una situazione rara e poco propabile, ma non impossibile.

Le precipitazioni continueranno ad interessare la Romagna fino alla serata/notte ma l’intensità gradualmente andrà a smorzarsi e la quota neve risalirà: nonostante cio’ anche su Romagna nel tardo pomeriggio la quota neve sulle aree interne potrebbe spingersi fin sui 400 metri circa. Su Emilia le precipitazioni cesseranno entro la tarda serata, su Romagna entro la prima mattinata di lunedì.

Dopo settimane, anzi mesi, di temperature sopra la media, nella giornata di domenica, solo per 24 ore, le temperature risulteranno nettamente sotto la media, anche di oltre 10°C.


Il moto ondoso andrà ad aumentare e diventerà sostenuto nella mattinata di domenica con possibili mareggiate, ventilazione di Bora in netto rinforzo con raffiche fino a 60/80 km/h.

ACCUMULI ECCEZIONALI
Per il mese di Maggio sarà un evento notevole: sul nostro Appennino potrebbe nevicare anche per 10/12 ore con accumuli che , ironia della sorte, potrebbero superare quelli di questo inverno. Oltre i 900/1100 metri sull’Appennino centrale potrebbero cadere 35/55 cm di neve, fino a 20 cm sotto gli 800 metri nelle zone piu’ colpite. Qualche centimetro potrebbe spingersi a sorpresa anche sotto i 300-400 metri di quota sull’Emilia centrale. In pianura piogge diffuse, possibili picchi fino a 40/50 mm sulle aree di prima collina tra Emilia orientale e Romagna.

GELATE?

Gelate in arrivo? Le possibilità sono basse ma anche questa possibilità non è da escludere: tra la sera e la notte su lunedì potrebbero già presentarsi schiarite su Emilia occidentale. In caso di ampie schiarite il risveglio di lunedì potrebbe vedere valori vicini allo zero sulle aree interne con il rischio di qualche gelata che potrebbe arrecare danni pesantissimi alla vegetazione. Speriamo quindi ad una maggiore resistenza della nuvolosità fino al mattino.

MASSIMA ATTENZIONE. Sarà una situazione totalmente invernale sul nostro Appennino fino a quote basse: se sarete diretti su queste aree munirsi di gomme da neve o catene, le nevicate potrebbero risultare forti ed abbondanti localmente. Molta attenzione a rami ed alberi: la neve a quote medio basse potrebbe appensatirli con il rischio di rami spezzati e caduta di alberi. METTERE AL RIPARO FIORI E PIANTE IN VASO. 



Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

22 MAG
Insiste un po' di instabilità che nelle prossime ore favorirà ancora la formazione di improvvisi temporali in alcune zone d'Italia
21 MAG
Timida comparsa dell’anticiclone Nord africano al Nord
La fascia nuvolosa prossima all'equatore geografico evidenzia la posizione attuale dell'equatore virtuale
20 MAG
La causa nella anomala posizione dell’Anticiclone Nord africano 
22 MAG
Sisma avvertito tra piacentino e parmense
22 MAG
Imponente frana a causa delle continue precipitazioni
22 MAG
In alcuni punti la neve supera i 10 metri!