In pubblicazione il 8 MAG 2022

RECORD: lo storico 5 MAGGIO 2019 in EMILIA-ROMAGNA

La giornata del 5 Maggio in questa regione d’Italia ha segnato record notevoli in termini di freddo e neve, in quanto la dama si è spinta fino a quote decisamente basse a meno di un mese dall’inizio dell’Estate meteorologica!


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Il contesto

Il 5 Maggio del 2019 un fronte freddo dall’Europa Settentrionale ha interessato gran parte del continente, compresa l’Italia: buona parte del paese ha avuto a che fare con piogge abbondanti e temperature inferiori alla media, ma è in Emilia-Romagna che è avvenuto l’evento più eclatante. Andiamo quindi a scoprire di cosa parliamo.


L’evento 

Dopo una nottata di piogge intense, l’Emilia-Romagna era in procinto di essere interessata da termiche inferiori allo zero a 850 hPa di quota nelle prime ore del pomeriggio di Domenica 5 Maggio, in particolare nella porzione centro-occidentale della regione, come mostra la mappa GFS:


Ebbene, tra la tarda mattinata e il primo pomeriggio la Neve è iniziata a scendere a quote via via più basse, raggiungendo quote di media-bassa collina dal Reggiano al Bolognese con accumuli rilevanti dalle quote medie in su, veramente anomale per Maggio! Ma non è tutto: cioè che fa più clamore, infatti, è che sono stati segnalati fiocchi di neve persino nelle città di Reggio Emilia e di Modena (fonte: forum meteo AsMer), città di aperta pianura!!! Pertanto è stata riscritta la storia meteo di questa regione in questa mitica giornata di Maggio 2019, con neve che si è spinta persino a quote prossime al livello del mare a meno di un mese dall’inizio dell’Estate meteorologica. Per concludere, vediamo gli effetti di quella pazzesca perturbazione di stampo più invernale che primaverile in questa regione: lo scatto satellitare di Lunedì 6 Maggio lascia intravedere, ma con difficoltà a causa della nuvolosità residua, gli accumuli di neve sull’Appennino Emiliano:


Ma è stato nella giornata di Martedì 7 Maggio che il satellite ci ha permesso ancora meglio di vedere lo splendore del suolo innevato fino a media quota in terreno Emiliano, ecco a voi:

Non serve aggiungere che l’accumulo che vedete in questo scatto satellitare risalente a ben 2 giorni successivi all’evento, quindi buona parte della neve si era già sciolta ma, allo stesso tempo, il clima freddo per il periodo ha permesso alla Dama Biancaa di restare al suolo per alcuni giorni persino in un mese tardo primaverile come lo è Maggio. Evento indescrivibile per qualsiasi appassionato meteo di quelle zone (me compreso).

Sperando che l'articolo vi sia piaciuto, auguriamo buona giornata a tutti voi da Meteo Giuliacci e staff! Per domande e curiosità, non esitate a contattarci sulle nostre pagine Facebook, Instagram, Tik Tok e/o nei commenti!



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

26 MAG
L’ultimo fine settimana del mese porterà con sé novità eclatanti dal punto di vista meteorologico!
26 MAG
L'Anticiclone Nord-Africano occuperà con prepotenza l'Italia portano un'ondata di caldo intenso
25 MAG
Nuovo moderato peggioramento del tempo atteso nell'ultima parte della settimana
24 MAG
Sono uscite le proiezioni ufficiali, a cura di AccuWeather: vediamole insieme
25 MAG
Nella data di ieri la città costiera Romagnola ha registrato il valore di temperatura minima più elevato di sempre per il mese di Maggio
8 MAG
Nonostante le piogge, talora abbondanti, la situazione idrica rimane assai critica.
26 APR
Questo grande uccello della famiglia delle Picidae ha fatto la sua comparsa in un luogo piuttosto insolito