In pubblicazione il 2 AGO 2022

Caldo intenso, ma si vede già una fine. Dopo il 9 agosto calo delle temperature

Fase calda in vista, specie al Centro Nord, ma non mancheranno anche dei temporali sparsi


Fonte Immagine: WXCHARTS

Ci troviamo ad affrontare una delle estati più calde di sempre, ovvero da quando si rilevano i dati con strumenti scientifici, partita già nel mese di maggio sembra non voler smentire questa sua etichetta, difatti è alle porte una nuova intensa ondata di caldo che aprirà le danze su questi primi giorni del mese di agosto, dopo una brevissima tregua. Le ultime elaborazioni dei più autorevoli centri di calcolo ci mostrano già nelle corse modellistiche odierne qualche novità circa la fine di questa parentesi calda, ma ecco cosa dovremo aspettarci per i prossimi giorni in dettaglio:


Il tempo previsto tra il 3 e 15 agosto: la intensa ondata di caldo africano, come appena ricordato dalla durata già definita, risulterà comunque intensa rispetto alle precedenti, perché l’anticiclone africano lascerà maggiore spazio a correnti più miti a tratti temporalesche in arrivo dall’Atlantico. Tra il 3 ed il 7 di agosto avremo però la fase acuta della arroventata subtropicale, in quanto l'anticiclone africano in grande spolvero insisterà soprattutto al Centro Nord, mentre il meridione verrà lambito da venti in arrivo dai Balcani fa. 


La vera novità arriverà però tra l8 e l’11 agosto, quando il caldo verrà quasi debellato al nord per opera delle più fresche correnti oceaniche, in successiva estensione a quasi tutto il Centro e anche parte del Sud.  Dal 12 al 15 di agosto insisteranno ancora correnti miti temporalesche di origine Atlantica, quelle stesse che avranno quasi debellato il caldo da tutta l'Italia. 

Le piogge si distribuiranno su gran parte del Territorio, anche se in forma non organizzata.  Avremo infatti frequenti giornate temporalesche tra il 5 ed il 15 soprattutto al Nord, in particolare ad iniziare già da giovedì 4 previsti temporali su Alpi, Calabria, est della Sicilia, in propagazione venerdì 5 anche su Prealpi, Lazio, Campania, Lucania, Sicilia orientale. Per il fine settimana si prevedono sempre dei fenomeni su Alpi, Lazio, Campania, Lucania, Calabria e Sicilia; nominiamo spesso le regioni meridionali perché sarà ad opera proprio di quella ventilazione più fresca in arrivo dai Balcani che determinerà questi temporali. 

Al termine della prima decade inizieremo ad avvertire un cambio più deciso, perché i fenomeni temporaleschi potrebbero spingersi un po’ su tutti i settori dell'Italia, soprattutto al Sud. 

Le temperature si presenteranno molto calde per gran parte del periodo in esame, massime in aumento tra il 5 e l’8 di agosto, con l'apice del caldo più intenso al Nord, Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna ove la colonnina di mercurio potrebbe spingersi sui 37-38 gradi; valori più contenuti invece al Sud con punte di 32 - 35 gradi. 

Tra il 9 e l’11 caldo in diminuzione ad iniziare dalle regioni settentrionali e poi al Centro ed infine anche al Sud intorno all’11 - 12 agosto, con temperature che non supereranno i 30 - 33° su gran parte dell'Italia. Un andamento termico che ci accompagnerà probabilmente fino alla metà di agosto, quindi ferragosto. 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

14 AGO
Una nuova perturbazione favorirà un aumento dell'instabilità, soprattutto in alcune regioni
13 AGO
Piove poco e male: vediamo se ci sono le possibilità di un ritorno di piogge in grande stile al Nord
12 AGO
L'instabilità lascerà il posto al prepotente ritorno della bollente alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano
11 AGO
Scopriamo insieme come si presenterà il tempo meteorologico sul nostro paese durante il fine settimana che precederà Ferragosto
7 AGO
La siccità del 2022 potrebbe essere solo una delle prime che in futuro vedrà il Mare Nostrum: vi mostriamo una ricerca scientifica
16 LUG
In questi giorni temperature particolarmente alte osservate in molte regioni dell’Emisfero Nord
16 LUG
Era il 16 Luglio 2016, invece oggi...
5 LUG
Sono Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia