In pubblicazione il 26 NOV 2022

Meteo Diretta: disastro a Ischia, ecco le possibili cause

Importante frana a Ischia: apprensione in queste ore per salvare vite umane e per quantificare i danni


Fonte Immagine: pixabay

Il Mar Mediterraneo è tuttora troppo tiepido, a causa di un meteo decisamente troppo mite nei mesi passati. Le cronache di questi giorni sono piuttosto rilevanti: adesso la tragedia di Ischia, prima frane e smottamenti in molte zone del Centro-Sud, prim'ancora nelle Marche. Sono segnali che la fenomenologia meteorologica è in continua intensificazione, con tutti gli effetti negativi che sappiamo.


 


Le cause

Le cause del disastro sono presto dette: una profonda ciclogenesi fredda, che sorvola acque tiepide e un'orografia complessa. Se poi il versante è già in bilico, per motivi pregressi, il danno è fatto. Ecco spiegata la frana di Ischia, anche se i meccanismi in realtà sono assai più complessi. In gioco ci son pure l'aridità o meno dei terreni, la pericolosità dei versanti, ma soprattutto le costruzioni, più o meno abusive. Spesso, su un territorio già fortemente a rischio, si è costruito abusivamente e in condizioni di estremo pericolo. Ci vuole sicuramente uno studio geologico approfondito e non un semplice articolo di cronaca: stiamo seguendo con apprensione l'evolversi della situazione.

 

Autunno, stagione a rischio

L'Autunno è un periodo dell'anno assai delicato, a causa dei forti contrasti che si vengono a creare tra masse d'aria completamente diverse. Questo accade quando da una parte arrivano le fresche e instabili correnti dal Nord Europa, e dall'altra ci son ancora le roventi fiammate africane che tentano di salire verso settentrione.
La cronaca meteorologica del recente passato è ricca purtroppo di eventi alluvionali improvvisi in grado di provocare frane, alluvioni lampo e forti temporali, e in casi nefasti anche delle vittime.
Da monitorare con estrema attenzione potranno essere le anomalie sulle temperature delle acque superficiali dei nostri mari. Più saran calde e più potrebbero fornire l'energia necessaria per lo sviluppo di imponenti celle temporalesche, la cui previsione è possibile solo a pochi giorni di distanza, ma in casi estremi addirittura a poche ore dall’evento!



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

29 GEN
Condizioni meteo tipicamente invernali anche nella settimana a cavallo fra gennaio e febbraio
28 GEN
I giorni della merla sono il 29-30-31 gennaio: come sarà il tempo sul nostro Paese?
27 GEN
Ultimo fine settimana di gennaio in compagnia di un nuovo calo termico e con un modesto peggioramento che riguarderà soprattutto i settori centro-orientali dell'Emilia-Romagna
27 GEN
Ancora freddo in tutta Italia e maltempo di tipo invernale in diverse regioni
29 GEN
Spesso poco prima di una scossa si avverte un boato, ecco la spiegazione
27 GEN
Sul tema "Innovazione tecnologica per il Sociale"
14 DIC
Il capoluogo Emiliano è stato il primo del Nord di bassa quota ad imbiancarsi questa stagione!
29 NOV
Era possibile prevedere il disastro? Oppure, oltre al lato meteorologico, ci sono altre colpe?