In pubblicazione il 20 SET 2022

Meteo: Permane il Rischio di Eventi Estremi. Ecco i motivi

Mari troppo caldi e suoli ancora secchissimi potranno essere elementi predisponenti per nuove criticità


Fonte Immagine: pixabay

Il Mar Mediterraneo è bollente, a causa di un meteo decisamente troppo caldo in questi mesi. L'Europa, pertanto, è una sorta di tanica di benzina, pronta ad esplodere, e già abbiamo avuto alcuni effetti. Ma come possiamo dire questa metafora così forte? Beh ci sono delle cose da sapere. Dopo tre mesi dominati quasi costantemente dall'anticiclone africano, la stagione autunnale sta per entrare nel vivo e le perturbazioni in arrivo dal Nord Atlantico troveranno terreno fertile per lo sviluppo di temporali violenti.  L'alluvione nelle Marche, oltretutto, non è slegata da questa situazione, anzi non è altro che un esempio lampante di ciò. E come non ricordare l'Uragano Danielle? Tutti sentori di un pericolo in arrivo.


 


I medicane

Nei prossimi periodi potrebbero nascere dei Medicane: essi risultano una sorta di "uragani mediterranei", i quali si formano quando una bassa pressione viene alimentata dalle acque calde del Mare Nostrum e sviluppa caratteristiche da tempesta tropicale. Attenzione: NON sono violenti né duraturi come quelli equatoriali, di fatti hanno breve durata, ma possono portare forti piogge e forti raffiche di vento fino a 120 km/h, con ingenti danni nelle aree antropizzate. L'Autunno è un periodo dell'anno assai delicato, a causa dei forti contrasti che si vengono a creare tra masse d'aria completamente diverse. Questo accade quando da una parte arrivano le fresche e instabili correnti dal Nord Europa, e dall'altra ci son ancora le roventi fiammate africane che tentano di salire verso settentrione.
La cronaca meteorologica del recente passato è ricca purtroppo di eventi alluvionali improvvisi in grado di provocare frane, alluvioni lampo e forti temporali, e in casi nefasti anche delle vittime.
Da monitorare con estrema attenzione potranno essere le anomalie sulle temperature delle acque superficiali dei nostri mari. Più saran calde e più potrebbero fornire l'energia necessaria per lo sviluppo di imponenti celle temporalesche, la cui previsione è possibile solo a pochi giorni di distanza, ma in casi estremi addirittura a poche ore dall’evento!



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

27 SET
Il mix tra mari caldo, perturbazioni in arrivo e stazionarietà dei fenomeni potrebbe originare criticità diffuse
26 SET
Alcune regioni ancora siccitose almeno fino al 6 ottobre
26 SET
L'autunno è la stagione più critica per alluvioni lampo e areali, a maggior ragione se i mari sono ancora troppo caldi...
26 SET
Un profondo cambiamento sullo scacchiere europeo indurrebbe a una fase più stabile. Ma vediamo cosa possiamo dire.
25 SET
Per la prima volta nella stria un vero e proprio uragano investe direttamente le coste di questo paese
17 SET
Temperature crollate soprattutto al Centronord
3 SET
La probabile traiettoria nei prossimi giorni