In pubblicazione il 1 AGO 2022

Meteo: Stanchi del Caldo Intenso? Ecco le spiagge meno afose! L'elenco vi stupirà

Sono un antidoto al caldo estremo...


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Nei climi marini caldi e umidi l’afa raggiunge la massima intensità nella sera, quando il calo della temperatura dell’aria non riesce a bilanciare il concomitante aumento dell’umidità.  Appartengono a questa categoria quasi tutti i litorali dell’Italia. Nei climi marini caldi e secchi invece le condizioni più critiche si verificano nelle ore centrali diurne, quando il corpo deve smaltire non solo il surplus di calore solare, che raggiunge direttamente la nuda pelle, ma anche quello, altrettanto notevole, irraggiato dall’ambiente e proprio nel momento in cui la radiazione solare e la temperatura dell’aria stanno per toccare il valore massimo. Appartengono a questa categoria le coste del Nord Africa.


Afa al mare in spiagge poco ventose

In assenza di ventilazione, come di solito avviene di sera lungo le coste quando cessa la brezza di mare, i climi marini dove il caldo afoso raggiunge la massima intensità si riscontrano lungo i litorali il cui retroterra è formato da ampie pianure, ricche di vegetazione e di corsi d’acqua, come, ad esempio, le coste dell’Alto Adriatico e della Puglia. L’afa è invece più sopportabile lungo le coste addossate a un retroterra arido e brullo, come quelle del Nord Africa, della Sardegna e del sudest della Spagna. I climi caldi e secchi sono caratterizzati anche da una maggiore luminosità dell’ambiente con benefici effetti psicostimolanti.


Le brezze di mare. Su quali mari più attive

Ma sono soprattutto le brezze di mare ad influenzano di più l’intensità del caldo afoso perché accelerano l’evaporazione del sudore con conseguente abbassamento della temperatura corporea. Le coste che in estate godono di brezze di mare più intense e regolari sono quelle rivolte a Ponente, come quelle tosco-laziali, perché qui le brezze provenienti dal mare – come il mitico Ponentino della Capitale – sono rinforzate dai venti dominanti che, nell’estate mediterranea, sono appunto diretti da ovest verso est. Brezze intense e costanti si ritrovano anche lungo i litorali delimitati da coste alte, come quelle della Liguria, della Versilia e della Costa Azzurra. Anzi, in questo caso le secche brezze notturne che discendono verso il mare mantengono relativamente bassa l’umidità dell’aria lungo la fascia costiera, rendendo così più sopportabile l’afa notturna.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

14 AGO
Una nuova perturbazione favorirà un aumento dell'instabilità, soprattutto in alcune regioni
13 AGO
Piove poco e male: vediamo se ci sono le possibilità di un ritorno di piogge in grande stile al Nord
12 AGO
L'instabilità lascerà il posto al prepotente ritorno della bollente alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano
11 AGO
Scopriamo insieme come si presenterà il tempo meteorologico sul nostro paese durante il fine settimana che precederà Ferragosto
7 AGO
La siccità del 2022 potrebbe essere solo una delle prime che in futuro vedrà il Mare Nostrum: vi mostriamo una ricerca scientifica
16 LUG
In questi giorni temperature particolarmente alte osservate in molte regioni dell’Emisfero Nord
16 LUG
Era il 16 Luglio 2016, invece oggi...
5 LUG
Sono Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia