In pubblicazione il 29 LUG 2022

Molti malesseri preferiscono precise ore del giorno

La cronoterapia


Fonte Immagine: AlpaTest

Sono molti i malesseri che tendono a seguire i ritmi circadiani (dal latino circa diem = circa un giorno) ovvero una cadenza prossima alle  24 ore, perché tutte le nostre funzioni vitali sono modulati dall’alternanza luce-buio o dalla periodica variazione giornaliera della pressione atmosferica.


Malesseri notturni

 Ad esempio, di notte chi ha subito importanti operazioni chirurgiche va più facilmente incontro a complicazioni, come pure aumenta la secrezione acida dello stomaco (attenzione all’ulcera, alle gastriti soprattutto tra le 22.00 e le 2.00). Ma compaiono più facilmente attacchi d’asma, intorno alle 4.00, orario in cui il corpo riduce al minimo la produzione di sostanze bronco-dilatatrici naturali.


Mattino

 I rischi di ictus e infarto aumentano nelle prime ore del mattino, quando sale la pressione del sangue e sempre intorno alle 6.00 le persone diabetiche sono maggiormente a rischio di crisi ipoglicemiche poiché i livelli di insulina raggiungono i valori minimi.

Ma, dopo aver superato le insidie della notte, il momento del risveglio può rivelarsi poco piacevole per chi soffre di emicrania, che spesso si presenta in questa fascia di orario, e ancor di meno lo è per chi soffre di raffreddore da fieno, i cui sintomi (naso chiuso, lacrimazione, difficoltà a respirare) sono massimi al risveglio. Sempre tra le 7.00 e le 9.00 è maggiore il numero di casi di angina pectoris, rispetto alle altre ore del giorno.

Seconda parte del giorno

Ma anche la seconda parte della giornata riserva le sue sorprese: tra le 17.00 e le 19.00 si possono manifestare i malesseri - come il mal di testa - legati all’aumento della pressione sanguigna, mentre le ultime ore della sera sono quelle più a rischio per le emorragie cerebrali.

La cronoterapia

Insomma, un vero percorso a ostacoli! Ma anche l’aver scoperto questi “trabocchetti” può alla fine venire in aiuto per far fronte al “nemico”. Il fatto di conoscere i momenti critici di ogni malattia permette infatti di somministrare la terapia al momento più opportuno. La cronoterapia trova infatti molte applicazioni, specie nel campo oncologico: sembra infatti che cellule sane e cellule tumorali abbiano cicli cellulari – “orologi interni” che regolano la proliferazione delle cellule – diversi. L’intento in questo caso è quello di calibrare la cura, minimizzando i danni all’organismo, tenendo conto di questa diversità. Come dire cercare di costruire un’arma intelligente che sappia rilevare questo parametro per puntare unicamente sulle cellule nemiche…rendendo minimo il numero di vittime innocenti, le cellule sane.



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

14 AGO
Una nuova perturbazione favorirà un aumento dell'instabilità, soprattutto in alcune regioni
13 AGO
Piove poco e male: vediamo se ci sono le possibilità di un ritorno di piogge in grande stile al Nord
12 AGO
L'instabilità lascerà il posto al prepotente ritorno della bollente alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano
11 AGO
Scopriamo insieme come si presenterà il tempo meteorologico sul nostro paese durante il fine settimana che precederà Ferragosto
7 AGO
La siccità del 2022 potrebbe essere solo una delle prime che in futuro vedrà il Mare Nostrum: vi mostriamo una ricerca scientifica
16 LUG
In questi giorni temperature particolarmente alte osservate in molte regioni dell’Emisfero Nord
16 LUG
Era il 16 Luglio 2016, invece oggi...
5 LUG
Sono Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia