In pubblicazione il 1 AGO 2016

Correnti di risacca: attenzione, possono essere pericolose

Sono la causa più frequente di annegamento al mare.Video


Fonte Immagine: noaa

 

Ma come è possibile essere trascinati lontano dalla riva, visto che le onde si muovono dal mare verso la riva?

Questa forza potenzialmente mortale è la minaccia numero uno per la sicurezza sulle spiagge e si chiama risacca o corrente di reflusso ("rip current"). La risacca è un veloce e possente canale di acqua che può scorrere dalla spiaggia al mare aperto, al di là delle onde che si infrangono sulla spiaggia. Prima ancora che si avverta il pericolo, vi è il rischio di venire trascinati fuori lontano dalla riva.

Ecco comunque alcuni segni indicatori della presenza di una corrente di reflusso:

1. un canale di ribollimento prossimo alla riva con acqua increspata (figg.1a.b.c.) e che poi si propaga al largo, creandosi un varco di verso contrario rispetto alle onde in arrivo;

2. una zona con una notevole differenza di colore (figg.2.a.b.) che dalla spiaggia punta verso il mare aperto per poi aprirsi a ventaglio al largo in una striscia parallela alla costa;

3. una linea di schiuma, alghe, o detriti in movimento costante verso il mare aperto (fig.3);

4. una pausa nell'ingresso di nuove onde fino alla spiaggia.


Ecco come comportarsi di fronte a tale pericolo:

• Mantenere la calma, non combattere la corrente, nel tentativo di tornare a riva. Sarebbe una impresa vana e mortale;

• Nuotare lateralmente fuori della corrente e parallela alla riva, poi con un angolo verso la riva.

• Se non si può sfuggire allora galleggiare o restare a galla finché la corrente non svanisce.

• Cercate di agitare le braccia e gridare per chiedere aiuto. Notizia tratta da: http://www.noaa.gov/

video: QUI



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci
Tags: 

ULTIMI ARTICOLI

22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
satellite alla ore 16.00 di  domenica 21 ottobre
21 OTT
Prudenza, soprattutto su regioni del medio Adriatico e al Sud
21 OTT
Calo termico e prima neve sull'Appennino centrale
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica