In pubblicazione il 4 AGO 2015

Estate: in barca ci si scotta di più

La gioia dell’estate per molti è anche scorazzare con la propria barca lungo le coste dei nostri mari, ma...


Fonte Immagine: 9Bombs pixabay.com

 

 Ma anche noto che in barca si rischia di più di scottarsi al sole.

Come mai?

Perché si sommano due circostanze sfavorevoli: la capacità della superficie marina di riflettere i raggi solari incidenti ( e quindi di potenziarne gli effetti) e gli effetti del vento. Quest’ultimo infatti da un lato fa evaporare il sudore ( e il sudore contiene un fattore naturale di protezione chiamato urocranico), dall’altro contribuisce alla disidratazione dell’epidermide. Per tali motivi i marinai  (così come i maestri di sci) sono le persone che meglio rendono l’idea di una pelle seriamente danneggiata dal sole (photoaging).

 Una scottatura può dare reazioni molto intense sia a livello locale ( estremo rossore, bolle, vesciche) sia generale ( febbre, spossatezza, brividi). Ma cosa fare se ci si scotta? Nei casi più gravi è bene rivolgersi al proprio dottore. Negli altri casi i medici raccomandano di assumere un’aspirina o un preparato antistaminico (per bocca), evitare assolutamente l’applicazione di creme antistaminiche (causano fotodermatiti e irritazioni), applicare invece creme contenenti ossido di zinco o, se il prurito è intenso, una crema al cortisone ( che calma l’infiammazione). Ovviamente bisogna evitare il sole fino a quando l’eritema non si è risolto.

  

Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

Dalla prossima settimana l'Europa piomba in autunno
21 SET
L’estate settembrina, l’ultima fase prima di un profondo cambiamento del tempo
Temperature a 1500m previste pe r il 25 settembre
21 SET
Arriva la prima staffilata atlantica. Poi una seconda? 
21 SET
Dall'estate... al vero autunno, in poche ore!
Venti previsti e calo termico per lunedì 24 settembre 2018
20 SET
Venti impetuosi interesseranno gran parte della Penisola. Previsti oltre 100 km/h sull'Adriatico
20 SET
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
18 SET
Un nuovo studio raddoppia le morti provocate dallo smog