In pubblicazione il 1 AGO 2020

I benefici dell’acqua di mare

Fare il bagno d’estate al mare non è solo una maniera per combattere più agevolmente la calura e l’afa.


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

Infatti l’acqua marina è l’acqua minerale chimicamente più ricca di sali esistente in natura cosicché riesce a svolgere simultaneamente molte azioni benefiche perché è vitalizzante, detergente e  antibatterica. I bagni di mare infatti migliorano il tono muscolare, stimolano l’attività circolatoria, favoriscono l’aumento dell’appetito.


 Una parte dei sali disciolti nell’acqua di mare vengono trasmessi anche all’aria tramite gli spruzzi e vengono poi inalati in loco immediatamente tramite le vie respiratorie, andando  a pulire e disinfettare anche le parti più lontane dell’apparato come gli alveoli e i bronchioli, i quali in tal modo aumentano la loro superficie libera da impurità e quindi acquistano una maggiore capacità di scambiare l’ossigeno con i globuli rossi del sangue. Tale effetto a sua volta si traduce in una maggiore capacità respiratoria e di conseguenza in un maggiore afflusso di ossigeno ai vari organi che sono messi quindi nella condizione di funzionare meglio.


 I soggetti che traggono maggiori benefici dai bagni di mare sono, oltre che i sofferenti di problemi alle vie respiratorie,  soprattutto gli anziani e i bambini



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

3 AGO
Rinnovate condizioni di diffusa e spiccata instabilità su diverse regioni settentrionali
2 AGO
Ecco a voi le previsioni per i prossimi sette giorni, con analisi di piogge, temporali e temperature
2 AGO
Ancora piogge e temporali al Nord, in estensione a Liguria e Toscana
5 AGO
Ecco a voi, soprattutto per gli appassionati, queste mappe che non avete mai visto prima d’ora
5 AGO
A causa del cambiamento climatico le piogge diminuiranno in misura maggiore che in qualsiasi altra regione del Pianeta
4 AGO
Bella nevicata nelle ultime ore al Passo dlelo Stelvio
3 AGO
L’aumento delle temperature medie renderà le condizioni ambientali meno favorevoli alle attività umane