In pubblicazione il 26 AGO 2015

La foto del giorno

Rio de Janeiro vista...nell'invisibile


Fonte Immagine: Attilio Bruno Veratti

 

La immagine di copertina è il complesso di colline di Pan di zucchero e Urca a Rio de Janeiro, Brasile,
La prima immagine delle altre 3 è stata ottenuta di notte  catturando la radiazione infrarossa emessa nelle lunghezze d'onda  tra 7,5 a 14 micron.
Anche le altre due  diverse tavolozze sono mostrate tutte nello stesso intervallo di lunghezza d'onda.
Si noti che Pan di zucchero è all'estrema sinistra.
Il pannello superiore mostra ciò che vedrebbero  i nostri occhi  se fossero sensibili ai raggi infrarossi.
Il secondo pannello è stato elaborato utilizzando una tavolozza arcobaleno sequenziale ad alto contrasto. In tal modo le aree di vegetazione sulle colline appaiono in verde.
 Il terzo pannello è stato elaborato con una tavolozza qualitativa, evidenziando le aree di più intensa emissione termica (le aree più calde). Si tratta di superfici rocciose e zone prive di vegetazione e che quindi accumulano rapidamente calore durante le ore del giorno e che nella ultima delle tre immagini sono evidenziate in oro e viola.
Le Immagini termiche sono state  scattate nel maggio 2015, quella di copertina nel visibile è stata scattata il 4 agosto 2015.


 



Fonte Articolo: Attilio Bruno Veratti; Eduardo Azambuja su http://epod.usra.edu

ULTIMI ARTICOLI

23 OTT
Un cambio di rotta sul continente che tutti aspettavamo con tanta ansia. Massime a singola cifra
23 OTT
Venti di favonio ed un contesto già mite potrebbero costituire un mix esplosivo per il Nord Italia
Mercoledì 24: forti correnti settentrionali in quota sul versante Nord alpino; alta pressione sopravvento e bassa sottovento alle Alpi; forti venti da Nord ovest al suolo
23 OTT
Un effetto dell’arrivo di un nuovo nucleo freddo a ridosso delle Alpi
23 OTT
Ancora elevata criticità sui versanti settentrionali della #Calabria Ionica e della #Sicilia tirrenica
22 OTT
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica